Google+

«Uomini, urinate da seduti». La proposta del ministro per l’Ambiente di Taiwan

agosto 29, 2012 Leone Grotti

Può sembrare una barzelletta, ma non lo è. È una questione seria, serissima, ed è stata fatta dal ministro dell’Ambiente di Taiwan. Stephen Shen ha chiesto a tutti i maschi dell’isola di urinare seduti sulla tazza «per non sporcare i bagni». Il ministro, forse per convincere i taiwanesi, ha aggiunto che lui stesso ha preso da tempo questa abitudine.

A voler discutere seriamente la proposta, si potrebbe far notare, come ha fatto un dipendente del ministero, che i bagni pubblici maschili sono costituiti quasi interamente da urinatoi a muro, dove non ci si può sedere. Per questo, sarebbe meglio che i maschi si allenassero ognuno a casa propria per far raggiungere al ministero l’obiettivo di avere bagni pubblici più puliti utilizzando meno inservienti. Secondo il direttore dell’entourage del ministro, Yuan Shaw-jing, «ci sono 100 mila bagni che puzzano per colpa dell’urina maschile. Dobbiamo imparare da Giappone e Svezia, dove il 30 per cento degli uomini già si siede».

E se qualche uomo di Taiwan ha preso bene la proposta, su internet impazzano i commenti e le battute: «Perché il ministro non indossa anche una bella gonna?» ironizza un utente sul forum del quotidiano taiwanese United News. «Mi piacerebbe vedere Stephen Shen e il presidente Ma che fanno una dimostrazione in tv di come ci si siede sulla tazza per pisciare» chiosa un altro. Ad ogni modo, siccome il governo non può obbligare gli uomini a cambiare abitudini, è probabile che si dovrà accontentare di affiggere cartelli sulle porte dei bagni pubblici. Con notevole ed inutile dispendio di risorse pubbliche.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Serena scrive:

    Non solo sottoscriverei la proposta ma la estenderei come obbligo anche in Italia.aggiungendo anche la costrizione a lavarsi le mani accuratamente pena la mutilazione.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana