Google+

Una sosta commovente per sciatori affamati. Alla Baita di Colere (Bg) si mangia senza infingimenti

febbraio 25, 2014 Tommaso Farina

la-baita-colere-bg-1Le piste da sci del Monte Pora e del Passo della Presolana, sul versante bergamasco delle Alpi Orobie, hanno fatto da palestra di neve per tanta gente che ha imparato lì a scivolare lungo i pendii con le due assicelle ai piedi. Inevitabile: pure gli sciatori devono mangiare. E su al Passo, nel territorio comunale di Colere (Bergamo), c’è un indirizzo che cominciò come punto di ristoro per viandanti e sportivi invernali, e con gli anni ha deciso di proseguire lungo una moderna strada di qualità culinaria, malgrado la totale fedeltà alla tradizione: la Baita.

Il ristorante della famiglia Belingheri è nei secoli fedele, come i carabinieri. Ci si accomoda in una semplicissima saletta e ci si siede ai tavoli, apparecchiati in modo semplice e corretto. Poi arriverà il menù: una carta devota alle ricette della montagna bergamasca.

Si può partire con polenta e lardo, col carpaccio di cervo, con dei funghi porcini sott’olio. E si arriva ai primi. Qui il monumento sono i casoncelli alla bergamasca, i ravioli più famosi della provincia, con ripieno di carne di manzo e maiale, serviti con burro, salvia e pancetta: semplici, quasi commoventi nel loro tradizionalismo. Nessuno vi vieta di scegliere altro: ad esempio le foiade (maltagliati) al profumo di cacao con speck e funghi; le tagliatelle al capriolo; gli gnocchi di patate in crema di strachitunt, che sarebbe il raro e arcinoto erborinato degli altipiani di Vedeseta, molto imitato; il risotto coi funghi.

la-baita-colere-bg-2Poi, carne. Il capriolo in salmì è robusto e ghiotto come dev’essere, senza infingimenti. In alternativa, coniglio al forno; noce di vitello arrosto; polenta con sei assaggi di formaggi diversi; tagliata di cervo alle erbe; filetto di manzo con crema di formaggio di monte. Di dolce, torta di mele e amaretti.

Lista dei vini discreta, e bella selezione di grappe e distillati, passione del proprietario. Spesa di circa 35-40 euro. In alta stagione è preso d’assalto nei fine settimana e conviene prenotare. Telefonare sempre se volete andarci la sera.

Per informazioni
La Baita
Loc. Cantoniera della Presolana
Via Cantoniera, 16
Colere (Bergamo)
Tel. 0346.31663
Chiuso il giovedì

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana