Google+

Una folata di vento straniero

settembre 19, 2017 Marina Corradi

vento-foglia-shutterstock_712077259

Milano, 9 settembre – Mi sveglio alle tre di notte per un rumore forte. Apro gli occhi, il rumore si ripete. Sono le ante della finestra del bagno che sbattono. Mi alzo e vado a chiuderle: appena entro nella stanza un soffio di aria fredda mi fa rabbrividire. Mi affaccio sul piccolo cortile, in cui da un cielo irrequieto si è incanalata una folata di vento che scuote la magnolia timida dell’angolo, e fa fremere la grande vite americana sul muro. È come se uno spirito straniero, da lontano, fosse entrato nel cortile.

Richiudo sul tepore della casa ancora calda degli ultimi giorni d’estate, prendo una vestaglia e me la stringo addosso. Da quanto tempo, non avevo freddo.

Non ho più sonno. Vado in cucina, pigramente inseguita da due gatti speranzosi che sia già ora di colazione. In tutte le stanze le finestre sono spalancate; in sala gira ancora, oziosamente, dimenticato, il ventilatore a pale al soffitto.

Mi affaccio dal balcone sulla via, dove lampeggiano gialli i semafori, pulsando vigili sulla città che dorme. Ondeggia al vento il cono di luce dei lampioni. Ma questo vento è più forte, quasi ostile, e mi colpisce in faccia come una lama. Porta con sé un turbinio di foglie secche e polvere che corre sui marciapiedi deserti, come passi di un’estate che muore. È davvero altro questo vento, da quello di un temporale estivo: ha un’anima severa, nel fondo della notte annuncia le legioni dell’autunno che avanzano lassù, da nord, nel buio. Sento stringersi il cuore in un soffio di tristezza. Un altro anno, un’altra stagione.

In casa, nell’abituale disordine, sull’attaccapanni e sullo stenditoio in corridoio i nostri vestiti leggeri e colorati pendono immobili.

Ritorno a letto, avvolgendomi stretta nelle coperte leggere, e noto che ora dal cortile il silenzio è assoluto. Che cosa manca? Mancano i merli, che già nelle notti ancora fredde della fine di febbraio cominciano a cantare, appena prima dell’alba; e io mi sveglio e li ascolto e sorrido, cari merli un po’ folli, che già annusano, prima di tutti, la primavera.
Questa notte fa molto meno freddo che a febbraio, ma i merli tacciono. Di nuovo, una folata di vento straniero si insinua nel cortile e scuote furioso le imposte, che sbattono in una cadenza di colpi secchi, inquieti.

Dal fondo della notte l’autunno avanza. Scuote forte il vento la parete di vite americana e strappa le foglie, che volano attorno, smarrite, come in una danza di vecchie.

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 2018, come eravamo proviene da RED Live.

Sono universali, adatti alla guida d’estate e al tempo stesso a norma di legge ed efficaci anche d’inverno. Ecco quali sono, quanto costano e che vantaggi promettono i migliori pneumatici all season.

L'articolo Pneumatici quattro stagioni, la guida all’acquisto proviene da RED Live.

Dal 15 novembre è obbligatorio adottare pneumatici specifici per la stagione fredda. Ecco tutto quello che c'è da sapere per viaggiare in sicurezza e scegliere tra modelli invernali, quattro stagioni o chiodati.

L'articolo Pneumatici invernali, dieci cose da sapere proviene da RED Live.

COSA: RED HOOK CRIT, a Milano l’ultimo atto DOVE E QUANDO: Milano, 14 ottobre  Dopo Brooklyn, Londra e Barcellona il campionato di bici a scatto fisso su strada approda a Milano, in via Lambruschini (zona Bovisa) per l’ultima, avvincente tappa. Red Hook Criterium propone una formula unica, mettendo su strada le biciclette a scatto fisso che […]

L'articolo RED Weekend 13-15 ottobre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Da 0 a 400 a 0 km/h in meno di 42 secondi. Ecco il nuovo record fatto registrare dalla hypercar Bugatti Chiron. Un primato d’accelerazione e frenata realizzato con al volante l’ex pilota di Formula 1 Juan Pablo Montoya. Mai nessuna vettura di serie aveva avvicinato una simile prestazione, ottenuta grazie a una potenza massima […]

L'articolo Bugatti Chiron: start e stop da record proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download