Google+

«Un uomo che non piange, non potrà mai fare grandi cose». Dieci anni fa moriva Gianni Agnelli

gennaio 24, 2013 Pino Suriano

Un giorno disse: «Un uomo che non piange, non potrà mai fare grandi cose». E lui, di cose grandi, ne ha fatte. Certo, si potrà discutere se siano state giuste, morali e filantropiche, ma di sicuro sono state grandi.

Di uno così, semmai, si potrebbe credere che non abbia pianto. Molti lo credono dei ricchi. Lui, poi, non era un ricco tra i tanti, ma il Ricco d’Italia. Il simbolo, per molti, della fortuna nella vita. Certo che sì. A 14 anni, mentre sei tranquillo a goderti una beata e ricca adolescenza, ti annunciano che tuo padre è morto in un incidente aereo. Dieci anni dopo accade lo stesso a tua madre, che muore in un altro incidente quando di anni ne hai 24. Quando poi ne hai quasi ottanta, e credi di aver già provato ogni dolore, vengono a dirti che tuo figlio di 46 anni (figlio eh?!) ha deciso di buttarsi giù da un viadotto autostradale. Con tutti quei soldi e quel potere.

Certo che ha pianto anche lui. In mezzo a tutto questo, anni di amore per ciò che era suo, con una capacità di passione fuori dal comune. E anche, pare, una straordinaria vena estetica, un genio nel selezionare le cose, coccolarle, amarle. Come le sue auto, o i suoi campioncini Platini e Del Piero. Suoi, nel bene e nel male, perché sia ama veramente solo nel bene e nel male.

Un giorno disse anche: «La Juve è per me l’amore di una vita intera, motivo di gioia e orgoglio, ma anche di delusione e frustrazione, comunque emozioni forti, come può dare una vera e infinita storia d’amore». Le parole delusione e frustrazione non erano solo parole. Erano anche vita. Tutta quella frase, oltre che della sua Juve, parlava della sua vita. Tra tante contraddizioni, comunque un eroe. Eroe della grandezza e del dolore. Il 24 gennaio di dieci anni fa, Gianni Agnelli lasciava la sua e nostra Italia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

La piccola di Russelsheim debutta al Salone di Parigi in una nuova versione che strizza l'occhio al mondo dei Suv. Ha un assetto rialzato di 18 mm e un look fuoristradistico

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana