Google+

Un questionario per aiutarci a essere ancora più belli

maggio 1, 2017 Alessandro Giuli

questionario-lettori-tempi

Pubblichiamo la rubrica delle “lettere al direttore” contenuta in Tempi n. 15 (vai alla pagina degli abbonamenti). Per scrivere ad Alessandro Giuli: direttore.giuli@tempi.it

Le scrivo per sottoporle alcune mie considerazioni sul Bilancio di previsione della giunta Appendino, che governa la città di Torino. Il presupposto di questo primo Bilancio a firma Cinque Stelle è la sovrastima delle entrate, alla quale corrisponde un taglio delle spese. Ma a emergere sono soprattutto le insanabili contraddizioni tra promesse (in campagna elettorale) e fatti (dimostrati nelle ultime scelte strategiche). Dodici mesi fa, i Cinque Stelle non si stancavano di promettere attenzione alle periferie, alle fasce a basso reddito della popolazione e alle scuole: oggi tagliano i fondi alle Circoscrizioni, alle scuole materne Fism e al welfare, peraltro aumentando per tutti tariffe e tasse. Ieri parlavano di sostenibilità, ambiente e mobilità alternativa: oggi intendono finanziare la manutenzione del verde pubblico, quella delle strade e la costruzione di piste ciclabili con i proventi delle multe, cioè tramite un’entrata assolutamente incerta oltre che sovrastimata. Nel 2016 il mantra era “no ai centri commerciali”: in questo 2017 si vuole basare gran parte del bilancio sugli oneri di urbanizzazione (per cifre che definire ottimistiche è un eufemismo, 42 milioni in totale, come neanche negli anni Sessanta o in occasione delle Olimpiadi invernali). Questo è un bilancio iniquo (perché tartassa la classe media senza fare redistribuzione a favore di chi sta peggio) ed è un bilancio che non può stare in piedi. La cosa è inquietante, dal momento che sul bilancio si regge, o dovrebbe reggersi, la tenuta dell’intera città. Non nascondo la mia preoccupazione.
Silvio Magliano, capogruppo Moderati, Consiglio comunale di Torino

Tasse, multe, cemento, bugie e imperizia. Si dicono Cinque stelle, sono Cinque buchi neri.

***

Caro direttore, bravi, continuate così: Tempi è sempre più bello e desiderabile.
Gino Martelli Roma

Grazie, gentile signor Martelli. E voi lettori aiutateci a essere ancora più belli, compilando il questionario che vi abbiamo inviato per posta elettronica. Fatelo qui: tempi.it/questionario-lettori

***

Gentile direttore, ma due paroline due sulle tasse in arrivo nella nuova manovrina, nel Def, nella manovrona autunnale, vogliamo spenderle o no? Grazie.
Marcello Pompili Latina

Gentile signor Pompili, per adesso si sanno poche cose e antipatiche. Anzitutto che il governo si prepara a fare cassa con sigarette e giochi vari. Ora, essendo lo Stato monopolista della violenza, dei tabacchi, dell’alcol e del sistema gioco, ci mancherebbe che non possa fare quel che ritiene più adeguato alle sue, cioè alle nostre necessità. Ma il punto è proprio questo: a chi giova aumentare le tasse sui vizi nazionali? E in che modo aumenteranno queste imposte? Sull’ultimo quesito ancora non è detta l’ultima parola. Sul primo possiamo già concludere così: non ci guadagnerà nessuno. Le sigarette continueranno a essere fumate, magari di contrabbando; i giocatori continueranno a giocare (magari tornando a rivolgersi al mercato dell’illegalità, se il costo di gratta e vinci e affini dovesse crescere oltre misura). Il gettito complessivo, tempo pochi mesi, ne risentirà. Rimarrà l’ipocrisia di uno Stato che criminalizza le fonti auree dei propri introiti, per giunta spremendo le sue concessionarie che si occupano anche di preziosi servizi civici (pagamento bollette ecc). Un capolavoro. E con una domanda ancora inevasa: davvero sono queste le misure previste per rilanciare la crescita, altre tasse? Boh.
Ps. Il direttore di Tempi fuma e beve e gioca responsabile.

***

Il nostro non è più un paese per i giovani (che se ne vanno a cercare lavoro) né per i vecchi (che se ne vanno appena pensionati), non lo è mai stato per le famiglie e le donne in attesa (ammansite con regalini tipo i bonus bebé quando non osteggiate; mentre in Austria, per dire uno Stato che sostiene la famiglia, la mamma può restare a casa fino a due anni dopo il parto, godendo di una parte dello stipendio e di diverse agevolazioni) né per i malati e i disabili, abbandonati e ora mortificati nella loro scelta di vivere, né per i disoccupati di cui assistiamo ai suicidi, né per gli immigrati che “integriamo” lasciandoli a mendicare fuori dai supermercati. In questo bellissimo ma disorientato paese assistiamo a un quadretto bucolico dove due agnellini vengono “salvati” e accolti con tutti i riguardi a Montecitorio (e il mio cagnolino non può entrare nei musei: che discriminazione!). Si dice che il mondo non finirà con uno schianto ma con un lamento. L’Italia, invece, finirà con un belato. A chi votarsi per pretendere una politica che metta al centro l’uomo? 
Silvia F. Perugia

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Si infiamma il segmento delle hatchback sportive. La Renault non resta a guardare e risponde alle rivali più agguerrite del momento, vale a dire Ford Focus RS e Volkswagen Golf R, con la nuova generazione della Mégane RS. Attesa al debutto in occasione dell’imminente Gran Premio di F1 di Montecarlo, la media ad alte prestazioni […]

L'articolo Renault Mégane RS 2017: debutta a Montecarlo proviene da RED Live.

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana