Google+

Un quadernetto di ricette anonimo diventa lo spunto per un libro di arte e cucina

settembre 5, 2013 Mariapia Bruno

“6 oeufs, 300 gr. beurre, 400 gr. sucre, 400 gr. farine + 2 cuilleree du thé Baking Powder, 2 tasse raisins sec + fruits sec” (6 uova, 300 gr. di burro, 400 gr. di zucchero, 400 gr. di farina + 2 cucchiai di lievito in polvere, 2 tazze di uva passa + frutta secca). Appuntate in francese e in arabo con una penna dall’inchiostro azzurro e inserite in un quadernetto dalla corpertina rigida e scura, le ricette di una anonima massaia, probabilmente dell’area mediorientale del Libano, sono diventate il fulcro di Cake. La cultura del dessert tra tradizione Araba e Occidente, un libro di arte e cucina a sostegno di Bait al Karama (Casa della Dignità), la prima scuola internazionale di cucina Palestinese che ha l’obiettivo di creare posti di lavoro per le donne che vivono nella Città Vecchia di Nablus. E’ stata Manuela de Leonardis a scoprire, in un “charity shop” di Kensington High Street a Londra, nel maggio 2012, questo piccolo tesoro di oltre sessanta ricette di dessert, molte delle quali associate a nomi femminili, probabilmente mamme, sorelle, cugine e amiche che con generosità hanno condiviso le loro specialità dolciarie: Gateau chocolat Rose, Biscuit Ely, Croissant, Biscuit Linda, Sfouf Souad (tipico libanese), Tarte Laurice, Gateau Tania, Tarte Hélène, Petits-fours Mary Karkalla.

Un vero colpo di fortuna che vorrebbero avere tutti gli appassionati di cucina, da cui è nata l’idea di un libro che ha coinvolto diciannove artisti – Hassan Al-Meer, Paolo Angelo- santo, Yto Barrada, Beatrice Catanzaro, Maimuna Feroze-Nana, Parastou Forouhar, Maïmouna Pa- trizia Guerresi, Susan Harbage Page, Reiko Hira- matsu, Uttam Kumar Karmaker, Silvia Levenson, Loredana Longo, MAD_Angela Ferrara e Dino Lorusso, Şükran Moral, Ketna Patel, Pushpamala N, Anton Roca, Jack Sal, Larissa Sansour – che con le loro opere hanno creato una sorta di intercultura tra gusto, tradizioni, sapori e creatività contemporanea. Il libro verrà presentato a Bologna, nella Sala Del Capitano del Palazzo Re Enzo, il prossimo 21 settembre, durante Artelibro Festival del Libro d’Arte. La sessa sede ospiterà anche, dal 20 al 22 settembre una serie di performance di alcuni degli artisti protagonisti. Chi è interessato potrà acquistare il libro o al Palazzo Re Enzo nei giorni indicati, o presso i punti vendita postcart (www.postcart.com), o online visitando il sito http://www.postcart.com/libri-dettaglio.php?id=97&c=.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

Dal 2019 la Dorna organizzerà la Moto-e World Cup, primo Campionato mondiale con mezzi ad alimentazione elettrica. Le moto saranno le italianissime Energica

L'articolo Moto-e World Cup il mondiale è elettrico proviene da RED Live.

3.500 km dalla Finlandia all’Italia accompagnati da una costante tormenta di neve insegnano qualche trucco su come affrontare il bianco manto invernale. La tecnologia moderna applicata alle auto aumenta la sicurezza ma la differenza la fa sempre chi guida.

L'articolo Guida sulla neve – Consigli per guidare in sicurezza proviene da RED Live.

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download