Google+

Un orto e la sua bellezza sapiente

agosto 22, 2012 Marina Corradi

Tratto dal numero 29/2012 di Tempi

Luglio, Val Pusteria. Verrei fino a quassù soltanto per vedere gli orti. Gli orti dei piccoli paesi dell’Alto Adige, come questo, attaccato alle mura candide di una vecchia canonica di paese. Un bell’orto largo, con le fila di verdura diritte e ordinate; già, nel loro disciplinato schierarsi, germaniche. Ma splendidamente mediterraneo il rosso delle rose che si arrampicano sulla staccionata di legno; e che profumo hanno. Si sporgono tra le sbarre del recinto come collegiali dalle finestre di un convento, ansiose di sole.

Verrei fino a quassù soltanto per fermarmi una volta ancora davanti a un orto come questo; e appoggiare i gomiti alla ringhiera di legno ruvido, e affondare lo sguardo in questo grembo fecondo di terra nera. Con il cuore in bilico fra l’invidia per il parroco che al mattino, dalla finestra, si affaccia su una tale meraviglia, e una femminile ammirazione per la sua perpetua, che è capace di fare germogliare la terra così. Dev’essere, la perpetua, una donna saggia; un’anima concreta che prima di tutto sa che occorre mangiare. E quindi la gran parte dell’orto è una geometria attenta di insalate, radicchi e lattughe; in un angolo i gonfi, generosi cavolfiori – di quelli in cui un tempo si trovavano i bambini; e bietole, e erba cipollina, e zucchine, in una generosa abbondanza.

Poi, io che vengo da Milano non so il nome di quelle grosse foglie turgide che si allargano al sole, né dei fiori alti – gladioli, forse? – di un profondo blu pervinca, appena ai margini della foresta di insalata. Perché la signora della canonica sa, certo, che la concretezza più grande è la bellezza; è la meraviglia di un blu sgargiante che cattura chi, distratto, passa di qui, e lo costringe a fermarsi. Sfiorato da una domanda sottovoce: ma davvero questa meraviglia può venire da un primordiale casuale incrociarsi di geni?

L’architettura dei gladioli, a ben guardarla in un orto di montagna, intimorisce. Così come mi rende assorta questa infinita gamma di verdi, da quello chiaro della lattuga neonata al cupo smeraldo del cespuglio di cui, naturalmente, non so il nome. (Che strana cosa però sarebbe stata questa sinfonia di verdi, se non fossero nati degli uomini, a guardarli). Le rose, poi; le rose sono le più misteriose, con quel loro velluto che sembra chiuso a nascondere, in fondo, un tesoro. Queste, di un rosso arancio, ebbre di sole, somigliano a labbra carnose di giovani donne. Quelle chiare, quasi bianche, invece sono ancora chiuse, in un pudore monacale. Come rapiti ronzano attorno i calabroni, poi se ne vanno, arresi: quelle bianche, sono rose da altare. E l’alacre andirivieni di api, veloci, frenetiche, come sapessero quanto breve è, quassù, l’estate. La silenziosa fatica, sulla terra nera, di colonne di piccolissime formiche, che solo al tramonto si fermeranno – per quale antico ordine? Quante domande pone sommessamente, a bassa voce, un orto di montagna. Verrei fino a quassù solo per appoggiarmi alla staccionata; zitta, attenta, a guardare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Per presentare la nuova Volkswagen UP! GTI non poteva esserci occasione più adatta del Wörthersee 2017, il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW. Anche se, in realtà, come accaduto in passato alla “sorella maggiore” Golf GTI Clubsport, a debuttare non sarà la vettura in versione definitiva, bensì una concept che si […]

L'articolo Volkswagen UP! GTI: la piccola si è arrabbiata proviene da RED Live.

Si chiama Argo ed è la nuova cinque porte Fiat per il mercato brasiliano. Destinata a sostituire Bravo, Punto e Palio in Sud America, debutterà il 30 maggio, per poi essere mostrata ufficialmente al Salone di Buenos Aires dal 10 al 20 giugno. Arriverà in Italia? Teoricamente no. “Molto” teoricamente no. Perché la cura estetica […]

L'articolo Fiat Argo: la compatta che pensiona la Punto proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana