Google+

Un gesto di carità concreto. Così ho imparato che “Tu sei un bene per me”

giugno 20, 2016 Aldo Trento

aldo-trento-scuola

Pubblichiamo la rubrica di Aldo Trento contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Mi chiamano dalla recepción della Clinica perché una signora vuole darmi personalmente un contributo per le opere. Mi dice: «Padre, mentre l’aspettavo, sono rimasta colpita dal via vai della gente che viene a portare di tutto, da pacchi di pannoloni, a stock di medicine o che, come me, danno il loro contributo in soldi». Torno a casa, suona il campanello, apro la porta e una signora mi dice: «Sono di Luque (una città a 20 chilometri da Asunción) e insieme ad altre amiche abbiamo raccolto questo denaro per i suoi poveri». Non faccio in tempo a sedermi, che mi chiamano nuovamente dalla recepción: «Padre, c’è un gruppo di studenti della facoltà di diritto dell’università nazionale con un camion pieno di viveri».

Mi raccontano che tutto è partito da uno striscione in città con su scritto “Padre Aldo ha bisogno di…”. Uno studente l’ha letto e subito si è messo all’opera con i compagni che si sono mossi con grande generosità. Una foto ricordo e se ne vanno con la promessa di tornare con un nuovo carico. La responsabile del Banco Alimentare ha avuto il suo daffare per ordinare tutti quei viveri che in settimana sfameranno cinquecento persone che gravitano intorno alle opere della fondazione San Rafael. «Grazie per avermi dato, come penitenza, di compiere un gesto di carità», mi dice una donna a cui avevo chiesto, prima di darle l’assoluzione, di comprare un pacco di pannolini per i miei ammalati. Don Luigi Giussani ci ha educato alla carità attraverso il gesto della caritativa, ma anche attraverso la scuola di comunità, che terminava sempre con la proposta di un impegno concreto. Si impara facendo e non parlando della carità.

Mi è arrivato in questi giorni l’avviso del Meeting 2016. Un titolo bellissimo, “Tu sei un bene per me”, ma anche una sberla per tutti: quanti sono coloro che hanno questa coscienza? Spero che non prevalgano le tavole rotonde o i discorsi filosofici o teologici su chi è l’altro e perché è un bene per me. Penso alla mia povera mamma che, nonostante più volte abbiamo sofferto la fame, quando veniva un povero o un frate questuante gli dava un chilo di fagioli e un po’ di formaggio. Da lei ho imparato chi è l’altro e perché è un bene per me. Per questo, mi duole quando, via mail, chiedo agli amici, la maggioranza dei quali frequenta il Meeting, di aiutare quest’opera di Dio, come l’ha definita papa Francesco, offrendo il costo di una pizza margherita, e loro non rispondono.

Non lo chiedo per padre Aldo, ma per l’altro che è un bene per me. Come sarebbe bello ascoltare la testimonianza di quell’amico che per aiutare i miei numerosi figli ha rinunciato da molto tempo al caffè che quotidianamente prendeva al bar! L’amore è un avvenimento, ma si manifesta nei dettagli, e lo si vede dal criterio con cui uno decide di comprarsi una macchina e il tipo di macchina, dal luogo che sceglie per le vacanze o dalle cene luculliane a cui partecipa.

Come il buon samaritano
È passato quasi un anno da quando il Papa è venuto a casa mia, e non passa giorno che non dica: «Signore, perché proprio a un poveraccio di prete questa grazia? E perché ha voluto, per sua decisione, regalare la Fiat Idea che aveva usato durante il suo soggiorno in Paraguay alla fondazione?». Ma ancor prima di papa Francesco, don Giussani mi aveva educato, continuando il cammino di mia madre, all’altro che è un bene per me. Viveva in via Martinengo, in un’umile casa che condivideva con padre Romano Scalfi, e quando avevo la grazia di visitarlo mi chiedeva sempre di cosa avevo bisogno e se era vicina l’ora del pranzo mi invitava a mangiare con lui. E come non ricordare quando nell’estate 1989, prima di mandarmi in Paraguay, mi ha tenuto con sé sapendomi vittima di un grave esaurimento! È perchè mi sono sentito un bene prezioso per lui che oggi ogni persona che incontro è un bene concreto per me.

«Che grande opera di Dio c’è laggiù», ha detto il Papa, riconoscendo in essa la stessa ragione per cui mia mamma donava un po’ di fagioli e un pezzo di formaggio a chi, durante il freddo inverno, bussava alla porta chiedendo aiuto: era Gesù, cioè il Bene supremo per lei. E questo è il motivo, ultimo e profondo, del perché l’altro è un bene grande per me. Spero che il Meeting tenga questa posizione, quella di mia madre, quella di chi scende da cavallo e, in ginocchio, chinandosi sul malcapitato, faccia come il buon samaritano.
paldo.trento@gmail.com

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Luisella scrive:

    Non vorrei essere irrispettosa, padre Aldo, ma di dare il costo di una pizza ci è richiesto da decine e decine di persone impegnate in opere di carità , di ricerca o culturali e sta alla nostra libertà decidere, senza classifiche, ma col cuore, che solo Dio vede il nostro cuore.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sul mercato dal 2010 e aggiornata nel 2014, la Lexus CT200h iniziava a soffrire di uno sdoppiamento della personalità. A una meccanica moderna si accompagnava infatti una linea ardita sì, ma ormai un po’ datata. Una contrapposizione ora sanata dalla divisione di lusso Toyota che sottopone la propria berlina ibrida a un restyling sia estetico […]

L'articolo Lexus CT200h MY18: il cuore non si tocca proviene da RED Live.

Vernice opaca Verde Alpi, vetri posteriori oscurati e un’indole sportiveggiante: la Fiat 500X, una delle SUV compatte più apprezzate sul mercato, debutta nell’inedito allestimento S-Design, disponibile sia per la configurazione “cittadina” City Look sia per quella più fuoristradistica Off-Road Look. Prezzi da 19.950 euro. Vernice satinata a 1.300 euro La Fiat 500X, che condivide la […]

L'articolo Fiat 500X S-Design: urban look proviene da RED Live.

Il Festival della velocità si avvicina e, come ogni anno, la McLaren celebra il rito di Goodwood con una novità. Quest’anno tocca alla 570S Spider, vettura che va ad ampliare la gamma delle Sport Series in attesa dell’entrata a listino della nuova 720S, massima esponente della famiglia Super Series. Trasmissione a doppia frizione Non manca […]

L'articolo McLaren 570S Spider: io non ingrasso proviene da RED Live.

AMR, come Aston Martin Racing. La divisione sportiva della Casa inglese presenta una versione estrema della supercar Vantage, disponibile in configurazione sia coupé sia roadster e con entrambi i propulsori in gamma, vale a dire il V8 4.7 e il V12 6.0. Punto di congiunzione tra la strada e la pista, la Vantage AMR mutua […]

L'articolo Aston Martin Vantage AMR: la pista nelle vene proviene da RED Live.

Secondo le previsioni di Kia il segmento dei cosiddetti B-SUV sarà quello che avrà la maggior crescita nei prossimi anni. I vertici della Casa si aspettano che nel 2020 in Europa la quota di mercato dei SUV compatti salga al 10%, con un volume totale di due milioni di pezzi venduti. Con questa prospettiva hanno […]

L'articolo Vista e toccata – Kia Stonic proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana