Google+

Un anno fa la cacciata dei cristiani da Mosul. Sako: «L’America ha il dovere morale di intervenire»

luglio 22, 2015 Redazione

È passato un anno da quando i terroristi dello Stato islamico si sono appropriati dei beni dei cristiani e li hanno cacciati da Mosul, la seconda città più importante dell’Iraq. Il 16 luglio 2014 hanno cominciato a marchiare le loro case con la lettera “N” per Nazareno e poi li hanno minacciati con un ultimatum: entro il 20 luglio, o vi convertite all’islam o pagate la tassa di sottomissione o ve ne andate. «Altrimenti l’unica opzione resta la spada».

Decine di migliaia di cristiani sono stati costretti nei giorni successivi a rifugiarsi a Erbil, in Kurdistan. A un anno da quei tragici eventi, il patriarca dei caldei, Mar Louis Raphael I Sako, ha dichiarato alla sezione francese di Radio Vaticana:

«Il governo iracheno ci ascolta ma è incapace di controllare tutta la città. Non ci sono altre soluzioni al di fuori di un intervento armato terrestre. Mentre lo Stato islamico diventa sempre più potente, l’Occidente resta indifferente. Rappresentano un rischio globale per il mondo intero. L’Iraq è incapace di cacciare Daesh (Isis) e gli americani, che hanno cambiato il regime in Iraq e provocato l’anarchia, ora hanno il dovere morale di intervenire e porre fine a Daesh. (…) La Francia ha promesso di fare qualcosa, ma da sola non può intervenire: serve una coalizione internazionale con il mandato dell’Onu».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana