Google+

Un altro Fortuny protagonista a Villa Badoer, a Fratta Polesine

febbraio 24, 2011 Mariapia Bruno

All'”Ottocento elegante” del Palazzo Roverella di Rovigo, dove risuona il nome del pittore spagnolo Mariano Fortuny (1838-1874) come padre di un genere vivace e giocoso di grande fortuna, fa eco la mostra di Villa Badoer a Fratta Polesine (Ro) intitolata “L’altro Fortuny. L’eleganza nuova”. Qui il protagonista é Mariano Fortuny y Madrazo (1871-1949), l’omonimo figlio del Fortuny della mostra al Roverella, che fu a sua volta pittore, ma anche scenografo e maestro di stile.
L’artista, nato a Granada e cresciuto a Parigi, si stabilì a Venezia, città in cui aprì il suo laboratorio nel Palazzo Pesaro Orfei dove, oltre a dedicarsi all’attività di pittore, si distinse per le sue originali creazioni di moda nelle quali metteva insieme i motivi decorativi catalani e lo stile floreale dell’epoca, l’abbigliamento greco e quello dello stile impero e direttorio e quello della Venezia bizantina e romanica. Le opere in mostra – dipinti, fotografie di modelli e di costumi di scena – provengono tutte dal Museo di Palazzo Fortuny di Venezia, palazzo gotico nella zona di San Marco che l’artista acquistò nei primi del Novecento e in cui morì.

 

Sono creazioni che ben rendono l’idea dell’originale personalità di Fortuny figlio che, respirando l’atmosfera internazionale dei salotti della Venezia del tempo, riuscì a estendere la sua fama in tutto il mondo, stupendo con le proprie invenzioni il palcoscenico delle esposizioni. Anche Proust ammirò il suo talento tanto da scegliere per le proprie eroine costumi di scena abiti da lui disegnati. La fantasia e l’abilità di questo poliedrico maestro vennero investite anche nelle cosiddette arti applicate – i complementi di arredo come i vetri, i mobili e i lampadari -, nell’uso sperimentale delle diapositive colorate e nell’ideazione di nuovi allestimenti scenotecnica come la “cupola Fortuny“. La mostra rimarrà aperta fino al 12 giugno 2011.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana