Google+

Perché c’è bisogno di trattare la tv e i nuovi media come i medici trattano i malati

ottobre 10, 2016 Pippo Corigliano

tv-shutterstock_360211148

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – «Quasi nessuno si occupa dei contenuti dei programmi, cioè dei modelli di comportamento proposti dai teleschermi». Sono parole di Ettore Bernabei, un maestro. «Le facoltà universitarie di Scienze della comunicazione non possono preoccuparsi solo di laureare intellettuali esperti prevalentemente in storia del cinema e della tv. Devono approntare vere e proprie scuole di formazione professionale. Così come le facoltà di Medicina immettono nella società laureati capaci di guarire un malato, quelle di Scienze della comunicazione devono preparare professionisti attrezzati a diventare bravi sceneggiatori, validi registi, produttori di fiction, presentatori, giornalisti: tutti al servizio del pubblico, tutti impegnati a preparare una società più equilibrata».

Parole sante, in senso letterale. «Sulle macerie di una civiltà egoistica i giovani possono e devono diventare operatori di una cultura nuova, imperniata sull’altruismo, e sulla partecipazione di tutti, come oggi è possibile, avvalendosi dei nuovi mezzi di comunicazione». Per questo occorre una vita di intenso rapporto con Dio, praticando la confessione e la comunione, e poi preparazione, una cultura che dia sicurezza. In conclusione: «Bisogna avere il coraggio di abbandonare le ubriacature nichiliste del secolo scorso, di scendere dai trampoli della superbia individualista e con molta umiltà tornare a vivere secondo le regole del decalogo di Mosè e nello spirito delle Beatitudini predicate da Gesù nel discorso della montagna».

Foto tv da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Cos’è Le Northwave Extreme RR sono il modello di punta della gamma dedicata al ciclismo su strada. Utilizzo Ciclismo amatoriale al massimo livello, gare amatoriali e professionistiche. Com’è fatto Il nome dice molto della destinazione di queste scarpe: come se non bastasse “Extreme”, in Northwave hanno pensato di aggiungere RR, declinando la sigla con un […]

L'articolo Northwave Extreme RR (Road Race) proviene da RED Live.

Dopo aver provato l’hoverboard DOC 6.5, sicuramente il più particolare fra i gingilli elettronici proposti da Nilox, abbiamo deciso di fare un passo indietro (nel senso di ardimento) e posare i piedi con un equilibrio più immediato su altri due prodotti legati alla mobilità elettrica: il monopattino DOC PRO e lo skateboard DOC Skate. DOC PRO […]

L'articolo Prova Nilox DOC Pro e Skate+ proviene da RED Live.

Una giornata molto particolare ci ha permesso di apprezzare il passato e il presente delle cabriolet marchiate DS. E abbiamo scoperto anche qualche analogia…

L'articolo DS: tra ieri e oggi proviene da RED Live.

“Come on, baby, light my fire, try to set the night on fire…” la musica è a tutto volume. L’accendo come un preriscaldamento che inizia a darmi la carica giusta. Questa canzone poi è un must; riesce a entrarmi nelle vene e accompagnare l’adrenalina verso l’alto. Direi che ne ho bisogno, visto che con la […]

L'articolo Prova Garmin Varia UT800, torcia e coraggio proviene da RED Live.

Essere la wagon più venduta in Europa dal 2014 è un primato di cui in Skoda vanno giustamente fieri. Eliminando stereotipi e status e con un pubblico che capisce il vero valore di quello che guida conquistare il successo per il marchio ceco non è stato difficile. Perché la sostanza c’è, ed è una sostanza […]

L'articolo Prova Skoda Octavia Wagon 2017 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana