Google+

Perché c’è bisogno di trattare la tv e i nuovi media come i medici trattano i malati

ottobre 10, 2016 Pippo Corigliano

tv-shutterstock_360211148

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – «Quasi nessuno si occupa dei contenuti dei programmi, cioè dei modelli di comportamento proposti dai teleschermi». Sono parole di Ettore Bernabei, un maestro. «Le facoltà universitarie di Scienze della comunicazione non possono preoccuparsi solo di laureare intellettuali esperti prevalentemente in storia del cinema e della tv. Devono approntare vere e proprie scuole di formazione professionale. Così come le facoltà di Medicina immettono nella società laureati capaci di guarire un malato, quelle di Scienze della comunicazione devono preparare professionisti attrezzati a diventare bravi sceneggiatori, validi registi, produttori di fiction, presentatori, giornalisti: tutti al servizio del pubblico, tutti impegnati a preparare una società più equilibrata».

Parole sante, in senso letterale. «Sulle macerie di una civiltà egoistica i giovani possono e devono diventare operatori di una cultura nuova, imperniata sull’altruismo, e sulla partecipazione di tutti, come oggi è possibile, avvalendosi dei nuovi mezzi di comunicazione». Per questo occorre una vita di intenso rapporto con Dio, praticando la confessione e la comunione, e poi preparazione, una cultura che dia sicurezza. In conclusione: «Bisogna avere il coraggio di abbandonare le ubriacature nichiliste del secolo scorso, di scendere dai trampoli della superbia individualista e con molta umiltà tornare a vivere secondo le regole del decalogo di Mosè e nello spirito delle Beatitudini predicate da Gesù nel discorso della montagna».

Foto tv da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Le righe, si sa, rubano la scena a qualsiasi altro indumento del guardaroba e non tutti se le possono permettere. Ciò che ha fatto Rapha con questa fantasia, protagonista della nuova collezione Cross, è stato scegliere un accostamento di tonalità elegante e, soprattutto, ispirato all’abbigliamento indossato da Jeremy Powers (Rapha-Focus Team) alla conquista del titolo di campione nazionale […]

L'articolo Rapha presenta la nuova collezione Cross proviene da RED Live.

F1 2017 è un generatore virtuale di adrenalina. Un racing game emozionante e coinvolgente, completamente personalizzabile in base alle proprie esigenze. Il nuovo gioco di Codemasters affina la buona ricetta del 2016 e (ri)propone un solidissimo “simcade”, ovvero un efficace ibrido tra simulazione impietosa e arcade permissivo, immediato e profondo. Il risultato? Senza controllo di trazione […]

L'articolo F1 2017 è pura adrenalina virtuale proviene da RED Live.

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

Tucano Urbano gioca d’anticipo su EICMA e presenta ora la collezione autunno/inverno 2017/2018. Per chi viaggia in moto 365 giorni all’anno.

L'articolo Tucano Urbano collezione autunno/inverno 2017/2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana