Google+

Perché c’è bisogno di trattare la tv e i nuovi media come i medici trattano i malati

ottobre 10, 2016 Pippo Corigliano

tv-shutterstock_360211148

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – «Quasi nessuno si occupa dei contenuti dei programmi, cioè dei modelli di comportamento proposti dai teleschermi». Sono parole di Ettore Bernabei, un maestro. «Le facoltà universitarie di Scienze della comunicazione non possono preoccuparsi solo di laureare intellettuali esperti prevalentemente in storia del cinema e della tv. Devono approntare vere e proprie scuole di formazione professionale. Così come le facoltà di Medicina immettono nella società laureati capaci di guarire un malato, quelle di Scienze della comunicazione devono preparare professionisti attrezzati a diventare bravi sceneggiatori, validi registi, produttori di fiction, presentatori, giornalisti: tutti al servizio del pubblico, tutti impegnati a preparare una società più equilibrata».

Parole sante, in senso letterale. «Sulle macerie di una civiltà egoistica i giovani possono e devono diventare operatori di una cultura nuova, imperniata sull’altruismo, e sulla partecipazione di tutti, come oggi è possibile, avvalendosi dei nuovi mezzi di comunicazione». Per questo occorre una vita di intenso rapporto con Dio, praticando la confessione e la comunione, e poi preparazione, una cultura che dia sicurezza. In conclusione: «Bisogna avere il coraggio di abbandonare le ubriacature nichiliste del secolo scorso, di scendere dai trampoli della superbia individualista e con molta umiltà tornare a vivere secondo le regole del decalogo di Mosè e nello spirito delle Beatitudini predicate da Gesù nel discorso della montagna».

Foto tv da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download