Google+

Tutti si preoccupano per la povera ricerca, ma quando tocca metterci i soldi le braccine si accorciano

marzo 21, 2014 Angela Cossu

Che l’Italia investisse poco, pochissimo, in ricerca e innovazione era noto ai più. Sono quelle cose che osservi anche da studente universitario, anche senza avere idea di come funzionino i finanziamenti statali. Vedi macchinari arrugginiti tenuti su col nastro adesivo, provette “usa e getta” riutilizzate all’infinito, reagenti del secolo scorso, vedi bellissimi progetti di ricerca messi in un cassetto perché costerebbero troppo.

Una volta avevamo notato i “vicini di laboratorio” mettere sistematicamente la carta bagnata sui termosifoni, in modo da poterla usare di nuovo per asciugare i banconi. Gliene abbiamo regalato due rotoloni nuovi, e sembrava fosse Natale per tutti.

Non sono casi isolati: si contano a centinaia le menti che hanno deciso di emigrare, non solo alla caccia di uno stipendio più lauto, ma soprattutto per trovare condizioni di lavoro migliori, dove le proprie idee si possano tramutare in ricerca vera, senza impantanarsi in un rugginoso sistema privo di soldi.

Abbiamo i numeri per dimostrarlo? Parla chiaro l’ultimo rapporto, presentato in questi giorni dall’Anvur (Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca): quando si parla di mettere le mani al portafogli per fare ricerca, e per mettere quindi le basi di innovazione per essere concorrenziali nel futuro, le braccine del pubblico e dei privati si accorciano.

Le solite scusanti – “siamo in piena crisi” o “siamo un Paese più povero degli altri stati europei” – hanno poco riscontro: le cifre rapportate al Pil (che quindi tengono conto del fatto che l’Italia non sia paragonabile ad esempio agli Stati Uniti), anche negli anni precedenti la crisi, dimostrano che, tra i paesi europei dell’Ocse, facciamo meglio solo della Grecia e della Polonia, con un infimo 0,52 per cento del Pil investito in ricerca dal pubblico, e altrettanto dal privato. Arriviamo all’1,3 per cento, la metà della media Ocse.

Napolitano esprime preoccupazione, il ministro Stefania Giannini promette di pensarci. Nel frattempo che loro ci pensano e si preoccupano, la qualità della ricerca rimane non eccellente ma comunque alta: sopperiscono con l’ingegno, i nostri ricercatori, ma se noi volessimo di più?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se fosse una compagna di scuola, la Peugeot 308 sarebbe la classica ragazza seduta nei banchi della seconda fila; precisa, puntuale, concreta e in grado di ottenere ottimi risultati. Però poco appariscente. La tipica studentessa che pochi notano e che i professori danno per scontato sia in grado di ben figurare in ogni frangente. Ora, […]

L'articolo Prova nuova Peugeot 308 proviene da RED Live.

Il suo logo a forma di ruota spicca su caschi, capispalla, piumini, borsoni, zaini, bracciali in argento e foulard in seta, e non a caso. La collezione di abbigliamento e accessori uomo/donna Milano 1914 trae difatti la sua identità da EICMA, il Salone internazionale delle moto, la cui prima edizione è datata 1914, appunto. E […]

L'articolo Milano 1914, nuova collezione e corner al Boscolo proviene da RED Live.

La scelta di un’automobile è una decisione che dipende dall’utilizzo che se ne vuole fare. Chi ha bisogno di un mezzo da guidare esclusivamente in città, sarà orientato verso un’auto più compatta e maneggevole; se la vettura accompagnerà spesso la famiglia in gite fuori porta, ruote grandi e ammortizzatori rinforzati saranno determinanti; se il conducente […]

L'articolo Il cambio: tipologie e caratteristiche (automatico/semiautomatico/manuale) proviene da RED Live.

In sella a una delle moto più speciali mai prodotte da BMW. La HP4 Race porta all’estremo il concetto di moto sportiva. Leggerissima potentissima, va fortissimo ma non è un mostro impossibile da domare, anzi… 80.000 euro sono tanti? Forse, ma dopo averla guidata potresti cambiare idea.

L'articolo Prova BMW HP4 Race proviene da RED Live.

Con il nuovo Kymco AK 550, la Casa di Taiwan punta dritta al cuore del mercato dei Top Scooter bicilindrici. Il prezzo è interessantissimo (9.190 euro in offerta lancio) ma i contenuti tecnologici sono tutt’altro che di serie B. Anzi!

L'articolo Prova Kymco AK 550 proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana