Google+

Tutti dicono che Papa Francesco voglia fare una Riforma

L’occidente della modernità nasce su sei grandi rivoluzioni.

La riforma Gregoriana (Papa Gregorio VII). La Riforma protestante. La riforma Luterana. La rivoluzione americana. La rivoluzione francese. La rivoluzione russa.

Tutti dicono che Papa Francesco voglia fare una Riforma.

Quella di Gregorio VII innescò sul fronte laico il concetto di Stato di diritto e poi quello di Stato sociale (almeno in Europa).

Gregorio VII desiderava svincolare la Chiesa e il suo Annuncio dal potere temporale che ambiva ad essere l’uno e l’altro, trovando nello spirituale il consenso al suo potere e pure l’idea normativa.

Papa Francesco pare voglia pure lui svincolare l’Annuncio della Chiesa dalla pressione ideologica – politica, secondo la quale l’Annuncio conferma l’idea antropologica di umanità laicista e liberista.

Per questo molti tra quelli che esaltano il riformismo di Papa Francesco lo esaltano non già perché lo condividano, ma perché lo temono: temono che la Chiesa non supporti più questo potere. E allora ecco la corsa alla lusinga.

Una Chiesa libera di annunciare l’Avvenimento è temuta perché la politica e l’ideologia da sole non sono in grado (mai lo sono state) di dare vita a un uomo nuovo e quindi a una civiltà, senza procurarne una morte per sfinimento.

I dati demografici europei lo confermano.

Quella di Gregorio VII sul fronte cattolico suscitò grandi divisioni.

L’eresia luterana come la scissione protestante furono ferite profonde, proprio perché si schierarono dalla parte del potere politico ed ideologico. Magari anche in buona fede.

Viva la mala fede, allora, che non demonizza nessun potere se il potere non è demoniaco.

Viva la mala fede che collabora con tutti i poteri se i poteri lavorano per il benessere dell’uomo.

Viva il Papa, dunque.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    l’ideologia “money first” ha creato nazioni (olanda,gbr,usa) che oggi governano il mondo. e ha plasmato paesi che a parole la combattevano (cina).

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana