Google+

Trump-param-pam-pam. Cosa dicono in Russia del nuovo presidente Usa

novembre 14, 2016 Angelo Bonaguro

All’indomani dell’elezione di Donald Trump, nel mondo politico russo ci sono state reazioni perlopiù positive. I deputati della Duma all’annuncio dei risultati hanno applaudito, sono seguiti i messaggi ufficiali di rito, mentre il partito di maggioranza Russia Unita ha sottolineato come tutto ciò dimostri che «la gente è stanca di confronti artificiosi». Alle estremità dello spettro politico, l’ultranazionalista Žirinovskij dopo aver prospettato la guerra atomica in caso di vittoria della Clinton, ha inviato un telegramma di congratulazioni al neopresidente assicurandogli il sostegno della maggioranza dei russi. Al contrario, per il leader comunista Zjuganov è solo tattica, nulla cambierà realmente e gli USA resteranno il principale avversario.
Ma si sono registrate anche reazioni più colorite, come quella del ministero della cultura che ha postato su twitter una vignetta della versione sovietica di Winnie the Pooh, in cui il «maialino» Trump fa amicizia con l’orso (simbolo della Russia) e l’«asinella» Clinton resta sola e abbandonata; il tutto condito con la canzoncina modificata ad hoc: «Trump-param-pam-pam» al posto di «Tram-param-pam-pam».
Maša Katasonova, una delle principali attiviste filoputiniane, ha celebrato sui social la vittoria di Trump aggiungendo che «la prossima sarà quella di Marie Le Pen».
Non tutti però hanno ritenuto che fosse un’occasione per festeggiare, e hanno affidato alla satira la propria delusione. Così è girata la foto di Putin mentre firma l’«autorizzazione alla nomina di Trump Donald Fredovič a nuovo governatore del distretto federale nordamericano». Un giornalista ha pubblicato la foto di un mazzo di garofani deposti davanti all’ambasciata americana a Mosca accompagnati dal biglietto «Je suis USA» per richiamare l’idea di una tragedia internazionale…

Un paio di giorni prima dell’election day il centro demoscopico Levada ha diffuso i dati di un sondaggio svolto in due riprese, in agosto e in ottobre, per osservare cosa pensavano i russi delle elezioni americane. Rispetto all’attenzione con cui l’opinione pubblica ha seguito la campagna elettorale, il 76% dei 1600 intervistati in 48 regioni federali ha risposto di «averne sentito parlare», mentre solo il 15% ha dichiarato di «seguirla attentamente» (percentuali leggermente inferiori ad agosto). Poi la domanda fondamentale: «Secondo Lei, per la Russia sarebbe meglio una vittoria di Trump o di Clinton?». Ad agosto la Clinton ha riscosso il 13% delle simpatie, scese al 9% in ottobre; Trump ha ottenuto rispettivamente il 35% e il 38%. Va considerato anche un buon 52% di indecisi rimasti tali per tutta l’estate.

Dopo il risultato elettorale americano, dalla provincia russa sono giunte altre notizie di iniziative singolari: in alcuni taxi di Omsk è apparso l’avviso che prometteva una corsa gratuita ai «passeggeri con Trump», senza specificare se il cliente dovesse salire col neopresidente o bastasse avere con sé una sua foto. Al nord, a Uchta, nella Repubblica dei Komi, località famigerata in epoca sovietica per il numero di lager, la rete di negozi di calzature «Kristi» per festeggiare Trump ha offerto 2000 buoni per una spesa di almeno 1000 rubli (14 €).
Al neoeletto è stata dedicata anche una raccolta di versi di un certo Sergej Semenov intitolata Donald Trump – amico della Russia: «Donald Trump, sei un genio mondiale; Tu hai risollevato l’America, dall’umiliazione alle vette mondiali; Tu hai creato un impero, tu erigi grattacieli, dispensi felicità alla gente; mentre quei mostri dei tuoi avversari dicono che sei un bugiardo».
L’azienda siberiana Žariki non perde occasione per dedicare un prodotto ai leader mondiali: tempo fa aveva lanciato sul mercato l’Obamawood, un tipo di carbonella «per rendere gustosa la carne alla brace», poi era stata la volta del carbone «patriottico» Prezident dedicato a Putin (3 kg a 135 rubli); ora verrà prodotta una «serie limitata» di sacchi di carbone per l’inaugurazione ufficiale della nuova amministrazione americana. Nella scorsa primavera l’industria dolciaria «Slavica» di Krasnojarsk aveva inventato l’Obamka, una specie di mottarello «ispirato» al detestato presidente, suscitando le proteste americane. E sempre a Krasnojarsk, nello zoo cittadino, è stato «chiesto» a Junona, splendida tigre dell’Altaj, e all’orso bianco Feliks un pronostico sulle elezioni americane. Tra i due l’ha spuntata Feliks, che s’è guadagnato una torta «presidenziale» a forma di Trump fatta di cocomero, cavoli, pesce e carne. Non poteva mancare la giacca di carote e la cravatta di filetto.
Feliks se l’è mangiata di gusto – un’altra predizione?

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.