Google+

Trump non difenderà il messaggio di Jazz, la bambola trans

febbraio 14, 2017 Redazione

L’America di Trump non è solo un ritorno alla supremazia dei vecchi maschi bianchi bifolchi e nemici dei diritti civili. L’America di Trump non è solo muri contro ponti, muri contro muri, e muri e ancora muri per difendere i privilegiati dall’invasione delle razze inferiori. L’America di Trump non è solo dazi per fermare la globalizzazione. L’America di Trump non è solo donne acchiappate by the pussy. L’America di Trump naturalmente è tutto questo ma è anche molto di più, purtroppo. È un modo inedito e già indignato di vedere le solite cose con un disprezzo tutto nuovo, anche un po’ gratuito forse. L’America di Trump ha subìto un cambiamento a volte impercettibile, ai più quasi inafferrabile, verrebbe da dire inesistente, eppure così evidente agli occhi dei pochi giornalisti che tra tante post-verità sanno ancora riconoscere la Verità.

Abbiamo pensato di aprire questo piccolo blog proprio come una specie di omaggio a loro, ai cronisti coraggiosi che denunciano l’America di Trump. Perché la lotta contro l’America di Trump deve cominciare dentro ciascuno di noi. Alla vigilia dell’insediamento del nuovo presidente, il nostro «Amico Obama» (copyright Vittorio Zucconi, la Repubblica) ci aveva promesso che «we will be ok», «ce la faremo». Ma forse non ce la stiamo facendo. E ogni giorno riceviamo una sconfortante conferma di questo.

jazz-bambola-trans-repubblica

Non ci poteva essere opportunità migliore, per inaugurare questo spazio dedicato a Trump che rovina cose, del sensazionale lancio di “Jazz, la prima bambola trans”. Notizia che oggi su Repubblica si è guadagnata opportunamente un’intera pagina firmata «dalla nostra inviata» a New York, Anna Lombardi.

A chi se la fosse persa, basterà sapere che il/la pupazzo/a, insomma *l* pupazz*, è ispirat* a tale «Jazz Jennings, che oggi ha 16 anni» e che «nel 2007 fu la persona più giovane al mondo a dichiararsi transgender, e divenne una celebrità grazie al reality show I am Jazz, in cui raccontava la sua vita di bambina in un corpo da maschio». Scrive la Lombardi che Jazz è «un giocattolo che si aggiunge alla lunga fila di bambole che qualcuno definisce “politicamente corrette” [ed è superfluo in questo blog specificare chi sia quel “qualcuno”, lo sappiamo benissimo chi è, ndr], ma che semplicemente rappresentano sempre più la realtà».

È bene aggiungere poi che Jazz «non ha precedenti», a parte naturalmente «Gay Bob, il bambolotto con tanto di orecchini e attributo maschile realizzato nel 1977». E mentre il povero Ken, miserabile etero, l’attributo maschile lo attende ancora oggi, quarant’anni dopo Gay Bob, ecco che il fondatore di Tonner Doll, Robert Tonner, si inventa «la bambolina trans, alta 45 centimetri e priva di attributi». Tradotto per gli elettori di Trump: una bambola che si sente bambina in un corpo da maschio, ancorché privo di cacchio.

«Certo, nell’America sempre più divisa la sua apparizione ha già un significato politico», nota la giornalista di Repubblica, che nell’articolo si fa dare man forte dall’esperta Nicoletta Bazzano, autrice del saggio La donna perfetta. Storia di Barbie. Commenta la Bazzano: «Il gioco insegna le regole sociali: ben vengano bambole in grado di ampliare orizzonti e portare messaggi d’inclusione». Conclusione telefonata: «Chissà se l’America di Trump questo messaggio è ancora pronta a difenderlo». Ovvio che no, rincariamo noi, l’America di Trump le bambole Jazz non sa neanche da che parte afferrarle.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: MADESIMO FREERIDE FESTIVAL, tutto il bello del FR   DOVE E QUANDO: Skiarea Valchiavenna di Madesimo, 24-26 marzo Un finale di stagione dedicato ai puristi del freeride così come a tutti gli appassionati di montagna a 360 gradi, che potranno essere protagonisti di una grande festa a base di proiezioni video, après ski, freeride clinics […]

L'articolo RED Weekend 24-26 marzo, idee per muoversi proviene da RED Live.

Théoule-Sur-Mer (Francia) – Voglia di moto? Il nuovo Ducati Monster 797 sembra fatto apposta. Progettato per chi delle due ruote ama il senso di libertà, l’approccio facile, il peso contenuto e la facilità di guida. E ispirato senza mezzi termini ai primi Monster “piccoli”, a partire dal 600 lanciato nell’ormai lontano 1994. Il 797 deve […]

L'articolo Prova Ducati Monster 797 proviene da RED Live.

L’inversione di tendenza è sotto gli occhi di tutti. Dopo un periodo di splendore, in cui sono state scelte da una gran quantità di famiglie, le monovolume stanno inesorabilmente passando di moda. Per molti potrebbero essere ancora una scelta valida – a volte anche la migliore – ma SUV e crossover hanno messo da tempo […]

L'articolo Vista e toccata – Opel Crossland X proviene da RED Live.

Ci sono le moto da gara derivate da quelle di serie e le moto di serie derivate da quelle da gara. La differenza non è sottile, implica una filosofia progettuale completamente diversa. Il secondo caso è quello che ha dato vita alla Aprilia RSV4, moto studiata prima dal Reparto Corse per correre nella Superbike con […]

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF 2017 proviene da RED Live.

Esiste la bicicletta perfetta? La risposta alla domanda assoluta dei ciclisti è “No”, non esiste la bicicletta perfetta. Esiste però quella più leggera e, tralasciando tutte le possibili combinazioni telaio/componentistica praticabili aftermarket, l’ultima creatura Canyon aspira all’olimpo dei pesi piuma. Si chiama Ultimate CF EVO e, oltre ad essere un concentrato di tecnologia per quanto […]

L'articolo Canyon Ultimate CF EVO, la più leggera proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana