Google+

Trump fa paura ai bambini

marzo 22, 2017 Redazione

Un blog nato per denunziare i delitti dell’“America di Trump” non può resistere alla tentazione di rilanciare un articolo di Repubblica rubricato come “L’America di Trump”, e per di più firmato da Vittorio Zucconi, irraggiungibile cantore del nostro comune «Amico Obama».

La notizia è che oggi, «questa mattina», nell’America di Trump, «quattro milioni di bambini sono andati a scuola senza sapere se troveranno i genitori rientrando a casa. Ci sono migliaia e migliaia di insegnanti che, prima di preoccuparsi dei compiti, della lezione, dei pianti, delle febbri improvvise, dei nasi che gocciolano, devono mentire a quei bambini e nascondere loro la verità: che ogni giorno, in ogni momento, da costa a costa, dall’Atlantico al Pacifico, un agente dell’immigrazione potrebbe entrare nelle loro case. Portare via per sempre, mentre sono a scuola, la madre, il padre, la zia che li sta allevando».

trump-clandestini-zucconi-repubblica

Sono, spiega il corrispondente da Washington di Repubblica, «bambini e ragazzi nati negli Stati Uniti e quindi legalmente cittadini americani, da immigrati senza permesso, da “clandestini” come dice la semantica del disprezzo, dunque soggetti a deportazione forzata in qualsiasi momento». Ovvio che tutto questo terrore e tutto questo disprezzo semantico sono colpa dell’America di Trump. Perché prima, nell’America di Obama, anzi nell’America dell’Amico Obama, «la paura costante che accompagna la giornata dei senza documenti e delle loro famiglie si era un poco attenuata», visto che nel 2011 «istruzioni partite dalla Casa Bianca vietarono irruzioni in luoghi come scuole, chiese, ospedali, centri sociali e congelarono le deportazioni che avrebbero separato i figli piccoli dai genitori».

Adesso invece, nell’America di Trump, «la promessa di bonifica radicale e totale dell’immigrazione non autorizzata fatta dal successore di Obama [anzi dal successore dell’Amico Obama, ndr] e le prime azioni dimostrative compiute dagli agenti hanno riattizzato il terrore». C’è «terrore» nell’America di Trump. Perché nell’America di Trump «la “Migra”, la temuta agenzia, bussa alla porta o arresta, come è capitato a Miami la scorsa settimana a un padre che aveva appena accompagnato la figlia di undici anni a scuola».

E così «i bambini hanno paura», nell’America di Trump, «e ci sono sempre più famiglie nel panico che non li mandano più a scuola». Nell’America di Trump «è tutto così inutile, è tutto così disumano».

Poi va bè, bisogna ammettere che «le cifre ufficiali non giustificano il panico», aggiunge Zucconi. Poi ok, è vero anche che «il numero di arrestati e deportati, o di famiglie spezzate, non è di molto superiore a quello registrato negli anni della presidenza Obama». E poi sì, d’accordo, oltre alla «promessa di bonifica radicale e totale dell’immigrazione non autorizzata» Trump ha anche fatto «vaghe promesse di risparmiare gli illegali senza precedenti» (mi raccomando il «vaghe»). Poi certo, precisiamo pure che «gli episodi raggelanti» in fondo non erano così raggelanti, visto che il padre arrestato a Miami «comunque aveva mandati di cattura pendenti per furto».

E insomma, però. Non è che adesso possiamo star qui a impiccarci ai fatti. Siamo qui per condannare l’America di Trump e perciò lo diciamo chiaro e tondo come un sol uomo, noi e Zucconi: nell’America di Trump non è cambiato praticamente niente rispetto all’America di Obama, «quello che è drasticamente cambiato è il clima, è l’aria che si respira nelle comunità dove gli “illegali” sono di più». Dice: chissà come mai. Sarà che si bevono tutto quello che scrivono i giornali.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Cos’è Le Northwave Extreme RR sono il modello di punta della gamma dedicata al ciclismo su strada. Utilizzo Ciclismo amatoriale al massimo livello, gare amatoriali e professionistiche. Com’è fatto Il nome dice molto della destinazione di queste scarpe: come se non bastasse “Extreme”, in Northwave hanno pensato di aggiungere RR, declinando la sigla con un […]

L'articolo Northwave Extreme RR (Road Race) proviene da RED Live.

Dopo aver provato l’hoverboard DOC 6.5, sicuramente il più particolare fra i gingilli elettronici proposti da Nilox, abbiamo deciso di fare un passo indietro (nel senso di ardimento) e posare i piedi con un equilibrio più immediato su altri due prodotti legati alla mobilità elettrica: il monopattino DOC PRO e lo skateboard DOC Skate. DOC PRO […]

L'articolo Prova Nilox DOC Pro e Skate+ proviene da RED Live.

Una giornata molto particolare ci ha permesso di apprezzare il passato e il presente delle cabriolet marchiate DS. E abbiamo scoperto anche qualche analogia…

L'articolo DS: tra ieri e oggi proviene da RED Live.

“Come on, baby, light my fire, try to set the night on fire…” la musica è a tutto volume. L’accendo come un preriscaldamento che inizia a darmi la carica giusta. Questa canzone poi è un must; riesce a entrarmi nelle vene e accompagnare l’adrenalina verso l’alto. Direi che ne ho bisogno, visto che con la […]

L'articolo Prova Garmin Varia UT800, torcia e coraggio proviene da RED Live.

Essere la wagon più venduta in Europa dal 2014 è un primato di cui in Skoda vanno giustamente fieri. Eliminando stereotipi e status e con un pubblico che capisce il vero valore di quello che guida conquistare il successo per il marchio ceco non è stato difficile. Perché la sostanza c’è, ed è una sostanza […]

L'articolo Prova Skoda Octavia Wagon 2017 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana