Google+

Troppo poco amore

georg-Trakl…Troppo poco amore, troppo poca giustizia e pietà, e sempre troppo poco amore; troppa durezza, superbia e ogni specie di dissolutezza – questo sono io. Sono convinto che mi astengo dal male solo per debolezza e vigliaccheria e dunque la mia malvagità è ancor più disonorevole. Bramo il giorno in cui l’anima non vorrà né potrà più abitare in questo corpo infelice, appestato di malinconia, quando abbandonerà questo zimbello di fango e putrefazione, che è soltanto un’immagine riflessa, fin troppo fedele, di un secolo privo di Dio e maledetto.
Dio, soltanto una piccola scintilla di pura amicizia – e si sarebbe salvi; di amore – e si sarebbe redenti!
Lasci che sia.
Georg Trakl, Lettera a Ludvig von Ficker, 26.6.1913

Georg Trakl è stato uno dei più grandi poeti del secolo scorso.
Nato in Austria nel febbraio 1887. Diversi precoci tentativi di suicidio; dall’età di quindici anni abituale consumatore di oppio, morfina, cocaina, Veronal, cloroformio; chimico; partito volontario per la Grande Guerra; infermiere in Polonia; lasciato solo ad assistere decine di feriti, fugge, tenta il suicidio, viene catturato e internato in ospedale; muore ventisettenne per overdose di cocaina verso la fine dell’anno 1914. Ne dà notizia un altro ricoverato con una cartolina spedita da Praga il 9 novembre 1914.

Il signor Trakl è morto all’ospedale del presidio di Cracovia di morte improvvisa (paralisi?).
Ero il suo vicino di stanza
(Firma illeggibile)

Dio, soltanto una piccola scintilla di pura amicizia – e si sarebbe salvi; di amore – e si sarebbe redenti!
Parole preziose per questi tempi duri e difficili. Parole che attendono risposta da noi. Responsabilità, appunto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

Creata in collaborazione con le lettrici del magazine, la city car di casa Seat debutta sulla passerella del FashFest di Londra. Arriverà all'inizio 2017 nelle versioni a tre o cinque porte con tre motorizzazioni.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana