Google+

Tra originalità e appartenenza, Milano ospita i mille volti dei maestri del Novecento

ottobre 16, 2013 Mariapia Bruno

Tutti insieme appassionatamente: Matisse, Bonnard, Modigliani, Magritte, Brancusi, Picasso, Delauny, e ancora Bacon, Severini, Giacometti, Mirò. Non si teme mai un guazzabuglio nelle grandi mostre del Palazzo Reale di Milano, benché l’accostamento di così tanti nomi e stili sia sempre un po’ rischioso. Ma i diversi figli del Novecento dai tocchi di pennello e scalpello inconfondibile sono entrati ormai nell’immaginario collettivo in modo così forte, che anche una passeggiata tra le forme cubiste di Picasso, tra i contorni arrotondati di Brancusi, tra i volti raffinati di de Lempicka, per quanto dissimili ci paiono, in fondo, concordanti, parte di una stessa storia lunga cento anni.

Dal titolo Il volto del ’900. Da Matisse a Bacon. Capolavori dal Centre Pompidou, la mostra, prodotta dal Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale, MondoMostre e Skira e visibile fino al 9 febbraio 2014, ci fa fluttuare tra le diverse sembianze della figura umana sperimentate dai numerosi protagonisti. Alcune non dicono molto, ma altre lasciano il segno, come il toccante Lo stupro di Magritte, dove la sagoma di un viso raccoglie tutta la complessità di un corpo turbato, o il Ritratto di Dédie di Modigliani, dove gli occhi tristi di Odette Hayden ci fissano in modo narrativo e inquisitorio, chiedendoci quasi un aiuto per fuggire da quella oscurità che la circonda, metaforizzata dalle trame cupe dell’immenso abito.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana