Google+

Torino, Artissima si accende di novità

ottobre 26, 2012 Mariapia Bruno

Per il suo diciannovesimo appuntamento Artissima si tinge di contemporanea dinamicità. Il 9, 10 e 11 novembre, la fiera Internazionale d’Arte Contemporanea di Torino apre al pubblico nell’originale padiglione dell’Oval, nell’area di Lingotto Fiere, sotto la guida della nuova direttrice Sarah Cosulich Canarutto : «in un’epoca in cui i musei si trovano a fronteggiare le difficoltà dei tagli nei finanziamenti, la possibilità di sostenere la loro attività portando l’energia di un progetto nuovo che affianchi il loro programma rappresenta un’occasione importante di visibilità e sostegno ai musei, all’arte contemporanea, alla città e di conseguenza alla fiera stessa. Inoltre, poiché i progetti realizzati nei contesti museali avranno una durata più lunga rispetto ai giorni della manifestazione, Artissima potrà godere di una maggiore visibilità nel tempo oltre che negli spazi, in un gioco di connessioni e rimandi sul territorio». Il grande appuntamento fieristico postmoderno, dunque, oltre ad attrarre un numero sempre più grande di collezionisti, amatori e semplici curiosi visitatori (quest’anno 172 gallerie, tra cui 53 italiane e 119 straniere), si estenderà anche al di là della sede centrale, con mostre ed eventi espositivi che si concluderanno e intorno al 6 gennaio.

Raffozano il network sinergico della fiera le iniziative It’s not the end of the world, che riunisce cinque progetti espositivi curati dalle rispettive sedi ospitanti: Ruin – Politics di Dan Pejovschi a Palazzo Madama, Tulkus 1880 to 2018 di Paola Pivi al Castello di Rivoli, Homeless Paradise di Valery Koshlyakov alla Gam, Beirut, I Love You – A Work in Progress di Zena el Khalil alla Fondazione Merz e The End – Venice 2009 di Ragnar Kjartansson alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, e Artissima Lido, che, dedicato a giovani artisti, coinvolge, con un programma di mostre site specific, video, istallazioni e performance, cinque spazi alternativi internazionali – L’Archivio di Stato, Il Mao Museo d’Arte Orientale, Il Museo della Resistenza, il Museo della Sindone e il Museo delle Antichitè – e le seguenti organizzazioni non-profit: 98 Weeks (Beirut), Auto Italia South East (London), Irmavep Club (Paris), Public Fiction (Los Angeles), Soma (Mexico City).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana