Google+

Tolta la stepchild, rimane il trucco sulle adozioni

febbraio 26, 2016 Redazione

E ora che succede? Dopo il passaggio al Senato del nuovo testo sulle unioni civili, che cosa – fatti salvi i possibili cambiamenti alla Camera – possiamo preventivare accada nel campo dell’adozione? Era il punto più incandescente del testo Cirinnà (stepchild adoption) ed ora che è stato stralciato cosa cambia? Nel testo approvato al Senato al comma 20 si legge: «Resta fermo quanto previsto e consentito in materia di adozione dalle norme vigenti», cioè si rimanda ai cosiddetti “casi speciali” previsti dalla legge 184/1983.

Dalla lettura dei giornali segnaliamo tre dichiarazioni che ci paiono interessanti.

«Continueranno a essere i giudici [a decidere]. Potranno considerare legittima, in determinate circostanze, l’adozione del partner omosessuale del genitore biologico. Ed altri che decideranno in modo opposto. (…) Saranno come al solito i minori a sopportare le conseguenze peggiori. La scelta di non legiferare lascia a noi giudici la facoltà di intervenire in via interpretativa. (…) Non rimane che attendere la riforma della legge sulle adozioni, ma con i tempi della nostra politica probabilmente la parola resterà a noi giudici ancora per molto tempo».
Luciano Spina, consigliere della corte d’appello di Brescia, già presidente dell’associazione dei giudici minorili e della famiglia, Avvenire

«Quando si apre una strada si mettono in moto meccanismi che si alimentano e rafforzano tra loro; com’è avvenuto per il Movimento delle donne negli anni Settanta, ogni meta conquistata non è un punto d’arrivo ma l’inizio per la battaglia successiva».
«Il vuoto legislativo in ambito di adozioni resta, i giudici continueranno a fare ciò che hanno fatto finora. La legge non sposta nulla nei parametri normativi, e non tocca a me offrire orientamenti giurisprudenziali. Il vuoto dev’essere colmato dalla politica, e su questo tema il Pd assumerà l’iniziativa al più presto. Vedremo come si comporterà il Movimento 5 Stelle».
Andrea Orlando, ministro della Giustizia, Pd, Corriere della Sera

«Cosa accadrà ora? Dice Gambino (ordinario di Diritto civile, estensore dei Dico di Prodi, ndr): “Se la Corte Costituzionale o il presidente della Repubblica non la dichiarano incostituzionale è la base giuridica per dare le adozioni piene, ben oltre la stepchild. La legge sulle adozioni, infatti, prevede che tu sia coniugato da almeno tre anni, non specifica altro, quindi il rapporto rilevante è quello coniugale”. E il fatto che nel nuovo istituto non sia previsto l’obbligo della fedeltà? “Non cambia nulla, conta il vincolo coniugale”. Se non lo fa l’Italia di sua sponte, sarà la Corte dei diritti europei a imporlo: essa, infatti, “non valuta la libertà degli Stati di fare o no una norma, ma il fatto che una norma non sia discriminatoria. Se una legge che fa un simil matrimonio non dà tutti i diritti previsti dal matrimonio, è discriminante”. Restano, è vero, alcune differenze di regolamentazione: il divorzio più breve, l’assenza di obbligo di fedeltà e poco altro, ma, come dice Gattuso (giudice del tribunale di Bologna, ndr), “sono del tutto irrilevanti”».
Dichiarazioni apparse su Libero

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

22 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Galasi è sempre esilarante.
    Mai una volta che si chieda qual è IL diritto di questi bambini.

  2. Rolli Susanna scrive:

    Babbo, babba, venite in giardino a vedere che cosa ho costruito!!
    Mammo, mamma!!, presto, andiamo tutti e tre a prendere un bel gelato!
    Genitore uno, genitore due, venite a vedere!
    Te e te, venite a vedere!!

    Babbo, babba, il menarca!!, spiegami un poco, sono confusa!!
    Lo chiediamo alla nonna!!

    Che gioia, è, Galasi? Tu non vedi l’ora!!

    • Nino scrive:

      le solite battute abbastanza sciocche

      Babbo, babbo, venite in giardino a vedere che cosa ho costruito!!
      Mamma, mamma!!, presto, andiamo tutti e tre a prendere un bel gelato!
      Genitori, venite a vedere!
      Te e te, venite a vedere!!
      Babbo, babbo, il menarca!!, spiegami un poco, sono confusa!!
      Lo chiediamo alla zia (che ha ricordi più recenti)!! Oppure te lo spiega il papà che su certe cose si è informato

      Leggi di Più: Tolta la stepchild, c’è il trucco sulle adozioni | Tempi.it
      Follow us: @Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook

      • giovanna scrive:

        Basta, trollona, qui “nino”, sei di una pesantezza e desolazione uniche, con qualsiasi horror-nick ti presenti.
        Io insisto : possibile che non ci sia nessuno che ti possa aiutare ?
        Che tristezza che la gente come te sia abbandonata a se stessa.
        E, per di più, quello che hai patito e patisci tu, con la famiglia che ti sei ritrovata o che non ti sei ritrovata, vorresti che lo patissero dei bambini innocenti…così…per passatempo.

      • Rolli Susanna scrive:

        No, non sono battute sciocche, è quel che sperate voi dai bambini “figli” di coppie omosessuali(????).
        Tu come preferiresti ti chiamassero in casa; hai l apossibilità di scegliere tra le cinque opzioni; anzi no, potrebbero essere sei: “Luca, Giacomo, venite a vedere!!”.
        Ma che bello!!!!

        • Nino scrive:

          @Susanna: ripeto, i figli delle coppie omosessuali chiamano mamma entrambe le mamme, o papà entrambi i papà. I termini che tu hai usato sono termini ironici di bassa lega.

          • giovanna scrive:

            Vedi, trollona, Susanna si pone il problema di come chiamare queste due donne o due uomini, in quanto mamma, in quanto persona che ha a che fare con i bambini e i giovani, in quanto dotata di sentimenti.
            A te , che non frequenti bambini o giovani da decenni ( e per fortuna loro, direi ! ), non salta all’occhio la mancanza di poter chiamare mamma e papà, e nemmeno ti viene in mente che se chiami con lo stesso nome due persone diverse , in casa c’è parecchia confusione !
            Capirai , a te la sofferenza di un bambino, di una mamma e di un papà, ti fa un baffo…per te conta solo trollare da mattina a sera.
            Mi sa che, comunque, soffri più tu di quei bambini che disprezzi, anche facendo queste sceneggiate di personaggi untuosi di bassissima lega, infima lega, personaggi repellenti.
            Ma se è la tua possibilità di contatto umano, va bene, ti vogliamo bene lo stesso, pur di non farti sprofondare nella pazzia e nella solitudine.
            ( come sarebbe più bello, più umano, più confacente ai desideri del cuore umano, anche per te, discutere lealmente, senza tutte le tue pagliacciate…se ne fossi in grado )

          • Giannino Stoppani scrive:

            Reduce dalla sciacquatura dei piatti lordi di carbonara del desinare, il troll ad induzione, dopo aver criticato chi fa battute di “bassa lega” su situazioni che son di lega infima di suo ed evidentemente convinto di essere un signore nonché genio di comicità, molla un bel battutone scontato come un costume da bagno a ottobre sulla supposta nostalgia della democrazia cristiana.
            C’è da credere che passerà la nottata a riderne sotto le coltri, parafrasando Elio: “ebbro dei suoi gas”.

          • Rolli Susanna scrive:

            Quindi se chiamano “papà” corrono entrambi!!; propri non ci pensi che si vieta ad un bimbo di poter dire “mamma, babbo, venite a vedere!”.

            • Nino scrive:

              Ma no, chiamano solo “papà” o solo “mamma” ed accorrono in due. O se vogliono chiamare solo una delle due allora chiamano: “Mamma Susanna” o “Mamma giovanna”, è così semplice.

              • Rolli Susanna scrive:

                “Mamma Susanna”, “Mamma Giovanna” dov’è il babbo che ci ha messo il semino?? “E’ andato a comprere le sigarette!, poi torna!!”.

                Mai avrei pensato che l’uomo potesse arrivare a tanto!!
                Potremmo organizzare una raccolta fondi -così fan tutti per tutto!!- per le coppie omo squattrinate, per dar loro la possibilità di avere figli; anche per quelle coppie che, avendo speso tutto il denaro per il primo, non hanno la possibilità economica di poter ORDINARNE UN SECONDO, regalando così un fratellino o una sorellina al primo (che gli è venuto a costar eparecchio…).

                Ma davvero non c’è vita su Marte? Siete sicuri?

        • dudu scrive:

          mio figlio mi chiama per nome è un problema?

  3. Menelik scrive:

    Praticamente una coppia etero che voglia arrivare all’adozione farà le fatiche di Ercole per averne il diritto, guarderanno tutto, anche le contravvenzioni al codice della strada, mentre una coppia omo troverà il giudice che riconoscerà la patria potestà al bambino proveniente da utero in affitto.
    Comunque, se guardate sul sito ministeriale dei sondaggi, ci sono contraccolpi ai partiti PD, Grillo e UDC.
    Nel PD c’è in corso una frattura non da poco, speriamo possa approfondirsi ancora di più.
    Io mi sto dando da fare per convincere mia moglie (che non è mai stata di sinistra da quando la conosco) a non votare più PD.
    Cattolici, non votiamo più PD, facciamocene una ragione.
    E il movimento 5 stelle, meno che meno.
    I cattolici devono disertare il PD, ed il PD deve temere la perdita dei consensi dei cattolici.
    Il PD ha dato ampia dimostrazione di essere un partito amico dei cattolici a chiacchiere e promesse da marinaio, ma nei fatti di perseguire una linea politica profondamente anticattolica.
    Col PD ci sarà sicuramente anche eutanasia e droga libera: se i cattolici è questo ciò che vogliono, allora votino pure PD.

    • Rolli Susanna scrive:

      io sono cattolica e non mi sono mai sognata di vorate PD: ce ne vuole!!

      • daniperri scrive:

        Nemmeno io. E non ho mai capito come possono autodefinirsi cattolici molti dei politici PD ed altri (cattolici adulti?).
        Ma guardano il programma del partito a cui danno il voto?

        • Nino scrive:

          Ah … bei tempi quando c’era la democrazia cristiana

          • Menelik scrive:

            Certo, meglio governi-fantoccio a capo di stati a sovranità limitata, uniformati alle direttive di potentati finanziari lobbystici del mercato globale, che drogano il popolino elettorale con Love is love, dove prima serviva Monti per mettere in pratica le direttive finanziarie e per fare questo hanno detronizzato Berlusconi e le intercettazioni “scoperte” adesso ne sono una conferma, e poi serviva Renzi per mettere in pratica le direttive etico-antropologiche.
            Da noi si fa con le intercettazioni e l’ingannatore boy scout, dagli altri si fa seminando sommosse e guerre civili a Kiev e Damasco.
            Quant’è bella la “democrazia”, eh?!….(ironico).
            Tornando al serio…..questa NON è democrazia, è solo una OLIGARCHIA DI POTENTATI FINANZIARI.
            E dopo si stupiscono del successo di Madame Le Pen e di Salvini !!!!!
            La Chiesa Cattolica è un ostacolo alla realizzazione dei progetti neocolonialisti di questi potentati oligarchici globali, per quello hanno deciso di lasciare a sé stesso lo sterminio in Medio Oriente e di stroncarla politicamente e socialmente in Occidente.
            Ma non riuscirà, perché qualcosa gli deve andare storto ed i loro progetti falliranno.
            Una volta c’era ORA ET LABORA.
            Oggi dovrebbe esserci: ORA ET PUGNA (prega e combatti).

          • Sebastiano scrive:

            Oh, se è per quello anche quando c’era il partito comunista: almeno si aveva davanti un’identità chiara e non questi pagliacci piroettatori dell’ultim’ora, che ogni volta che aprono la bocca per dire una scemenza qualsiasi trovano irresistibile e irrinunciabile fare la premessa del “sono cattolico MA…”, o quella del “lo dico da cattolico convinto…”.
            La mariaelena, per distinguersi dalla massa, aggiunge “ho partecipato alla GMG…”

            Una congrega di vegetariani che va a farsi una mangiata di salsicce sarebbe meno ipocrita.
            Ma non è che anche tu sei di quelli?

        • Menelik scrive:

          Guarda che parecchia gente che conosco si riconosce nel cattolicesimo, eppure votano PD. Il fatto è che sono abbindolati da quella D di democratico, come vent’anni fa erano abbindolati dalla C di cristiana.
          Roba da schizofrenici: sono atrocemente contrari all’utero in affitto, sono contrari al matrimonio omosessuale, gli spieghi cos’è la teoria del gender e restano inorriditi, ma non conoscono i nomi di Cirinnà, Scalfarotto e Fedeli. Non sanno che è esistita una cosa chiamata Cristiada, si stupiscono che i Cristiani siano massacrati in Medio Oriente e in Africa, pensano che la droga non sarà mai legalizzata e guardano queste cose come se fossero anni luce lontane dalle loro vite, e tanto continuano a votare PD perché pensano che la continuazione della democrazia sia passata in eredità dalla DC al PD.
          E ti dirò di più: conosco bene il Veneto ed il Lazio, ma a livello di paesi, gente vera, non uniformati come le aree urbane.
          Nei paesi laziali senti la gente discutere di politica come fossero leghisti: senti parlare loro, è come assistere ad un comizio di Salvini, uguale uguale, stesse idee, stesse proposte.
          Gli fai notare che quello che hanno detto un minuto fa sono cose del programma della Lega, ti si rivoltano come bestie…..io…leghista….ma sei matto? Io sono laziale, come faccio ad essere leghista? – ti rispondono.
          Guarda – gli fai notare – che quello che hai appena detto te, è quello che dicono Salvini e Maroni.
          Ma no, sono stati ossessionati dalla dialettica di terroni e Roma ladrona e slogan da osteria di quell’ubriacone che c’era prima alla Lega.
          La scoperta dell’acqua calda: in politica non è tanto importante avere idee valide, ma SAPERSI VENDERE BENE.
          Puoi essere un capo-farabutto con buona dialettica, ed accaparrarti i voti della gente per bene meglio di un onesto che ha il “difetto” di essere sincero.
          Il motore della politica è l’inganno.

  4. franz scrive:

    Ora vediamo che ne dice Alfano, cosa altro inventerà per prenderci in giro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana