Google+

Il mio destino è stato di conoscere un mondo diverso (ma anche da questo si può trarre del bene)

settembre 19, 2013 Susanna Campus

susanna-campus-jpg-crop_displayNon si può dire che abbia iniziato bene le mie vacanze, ma… cosa possiamo farci? Bisogna prendere quello che viene, protestare è inutile. Stavo già male prima che iniziassi le ferie e cercavo di resistere. Ma forse ho tirato un po’ troppo la corda, così alla fine ho ceduto all’infezione alle vie respiratorie.
I miei medici e infermieri mi hanno curato bene, ma credetemi, avere la febbre, e col caldo di questo luglio, non è stato il massimo. Dover fare gli antibiotici per debellare l’infezione, come inizio di vacanze, è stato molto triste! La mia mente, in quei giorni, è “volata” solo a casa tra pastiglie e flebo… che tristezza! Non che dovessi andare da nessuna parte, ma se “ero impegnata a cercare di respirare”, non potevo cercare di far volare la mente per altri lidi!

Appena mi sono ripresa, la mia mente ha ripercorso tutti i paesi che ho visto prima di ammalarmi, e meno male che ne ho avuto la possibilità di vederli (adesso ho sempre molti rimpianti), ma sono contenta di essere riuscita a visitare mezza Europa. Partivamo sempre come “turisti fai da te”, senza prenotare alberghi in nessuna città. L’unica prenotazione era la nave, andata e ritorno. In genere, il gruppo era formato da “pochi ma buoni”: io, Immacolata e il nostro amico Marco, perché meno si è, meno teste pensano e nascono meno discussioni sulle varie “esigenze” di tutti, del tipo: io mi voglio alzare tardi; io prestissimo così andiamo in giro all’alba; io voglio vedere questo anche se agli altri non interessa; io voglio mangiare panini; io voglio mangiare al ristorante; e di queste pretese se ne sentono a non finire quando il “gruppo” è troppo numeroso. Invece noi eravamo “collaudati” e decidevamo che paesi vedere prima della partenza, e l’itinerario giornaliero lo decidevamo la notte prima nella stanza dell’albergo.

Ho ripensato alle nostre avventure… e anche alle nostre disavventure. Ma quando si è giovani, anche gli intoppi si affrontano diversamente e con divertimento. È bello, nella mia condizione, ricordare anche quello che “non era andato per il verso giusto”. Mi aiuto con le fotografie, così evito di “fare cilecca”!

campus-susannaQuesta estate, insomma, sono andata dalla Turchia alla Grecia, dalla ex Jugoslavia all’Ungheria. Poi ho fatto un volo mentale in Bulgaria, Austria, Germania, Svizzera, Francia, Lussemburgo, Liechtenstein, Spagna e, infine, Portogallo. Solo due viaggi non ho fatto col mio amico Marco: il primo è stato quello in Jugoslavia, Bulgaria, Ungheria e Grecia, che ho compiuto con mio zio Giovanni e tutta la combriccola. Eravamo due macchine e ci siamo divertiti a non finire anche se siamo finiti in ospedale per il caldo. Quell’anno in Grecia si sono toccati i 50 gradi, per poco non “finiamo arrosto” anche perché allora l’aria condizionata in automobile era un lusso, e allora ci dovevamo “condizionare” coi finestrini aperti, che era meglio tenere chiusi perché “entrava il fuoco”!

L’altro viaggio a cui non ha partecipato Marco è quando siamo andati in Spagna e Portogallo; siamo andati insieme all’altra mia sorella e la sua famiglia. Ricordo quando non trovavamo albergo a Burgos. Era notte e avvistammo un alberghetto cui erano rimaste solo pochi posti. Ci accorgemmo che un altro gruppo di italiani, anche loro in auto, ci stava battendo sul tempo, precedendoci nell’entrata dell’hotel. Così, per batterli sul tempo, mentre loro diligentemente circumnavigavano l’albergo rispettando tutti i sensi unici, io per precederli entrai contromano per una via. Quando giunsero nella hall, io ormai avevo preso gli ultimi posti disponibili. Lo so, non si deve fare, ma la gioventù ti porta a fare anche cose poco carine!

Con Marco sono ritornata in Ungheria, paese splendido, e sulla strada verso Budapest, ci siamo ritrovati a dormire in una stalla, perché i proprietari avevano adattato metà della stamberga come pensione, e l’altra metà era rimasta una stalla. Mentre cenavamo, ci siamo meravigliati nel vedere attraverso una vetrata che, nell’altra sala, stavano consumando il loro pasto… delle mucche. Fra noi e loro c’era solo un vetro!

susanna_campus_sassari_in_fioreLa mia amica Claudia quest’anno mi ha riportato nella splendida Ungheria e in particolare a Budapest. Quando è venuta a trovarmi e a raccontarmi cosa evava visto, a me pareva di ritornare lì. E più lei proseguiva nella narrazione, e più a me s’accendeva la memoria. Quanta nostalgia, quanta spensieratezza.

Il mio amico Emanuele, invece, mi ha portato in vacanza con la sua famiglia, prima in montagna, poi al mare con le varie escursioni, fino al ritorno a Milano.

Mio nipote Stefano, con i suoi amici, mi hanno portato in Oman; poiché lui vive a Roma, quando è venuto a trovarmi mi ha portato un dvd del suo viaggio con numerose fotografie e i numerosi commenti! I suoi commenti spassosi mi hanno fatto divertire molto come fossi della compagnia!

Devo ringraziare questi due amici e mio nipote che mi hanno portato con loro in vacanza!

Quanti chilometri abbiamo macinato quando viaggiavo, ma è stato bellissimo perché ho visitato tanti bei paesi, ho appreso usi e costumi e adesso quei ricordi mi aiutano a non rimanere troppo “fuori dal mondo”! Certo, adesso, vivo di ricordi, e devo ringraziare di poterli avere, molti non hanno neanche quelli, e con “molti”, intendo anche molti “sani”! Sono stata fortunata finché non ho avuto uno “scontro frontale” con la Sla, ma poi ho avuto una fortuna diversa, ho incontrato delle persone splendide che mi hanno regalato tanto, che certamente in una “condizione normale” non avrei potuto conoscere e apprezzare. Credo fosse questo il mio destino, conoscere un mondo diverso e trarne ciò che c’era di buono.

Da quando mi sono ammalata la mia vita è cambiata radicalmente e “devo viaggiare” con la fantasia, lo sapete che di quella ne ho tanta e posso volare in ogni paese come molti non sanno fare, e riesco a divertirmi lo stesso, e se ci sono marachelle da fare, state tranquilli che non mi tiro indietro! Peccato per quelli “privi di fantasia”, non sanno quello che perdono!

Avete visto quanti paesi ho visitato quest’anno? Credo che nessuno di voi abbia viaggiato quanto me! Avete visto cosa fa la fantasia e l’immaginazione?

Amici liberate la fantasia, ve lo consiglia una che è stata costretta e che ci ha guadagnato ad aprire la mente!

Purtroppo dopo questi viaggi piacevoli, il 4 settembre sono “atterrata” di colpo, quando mi hanno ricoverata in rianimazione per gravi problemi. In verità quel giorno dovevo fare solo il cambio cannula e la broncoscopia: invece è successo che mi hanno ricoverata. Non potete immaginare la fatica che ha fatto dottor Vidili a convincermi a rimanere in ospedale per “il mio bene”, ma non sentivo ragioni: poi quando mi ha spiegato tutto, ho capito che “rischiavo grosso”e ho deciso che era meglio rimanere! È stato un periodo molto difficile per me, di incertezze, molti dubbi, ma “babbo”, insieme agli altri medici e gli infermieri che mi hanno confortato, mi hanno dato possibilità di continuare a lottare. Babbo sta facendo di tutto per impedire alla Sla di “fermarmi”! Adesso la mia “vacanza” (che avrei volentieri evitato) in rianimazione è finita, anche se non sono finiti i miei problemi, ma sono qui a raccontarvelo, quindi “giriamo pagina” e andiamo avanti!

bacioni,

Susanna

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. maria scrive:

    Grazie, grazie, grazie Susanna per la tua testimonianza …
    Dai sempre un valore alto ad ogni cosa.
    Hai ragione, in questi tempi di “crisi” diversi di noi “normali” non hanno potuto fare le vacanze e invece di “viaggiare” con la fantasia nelle belle vacanze passate, siamo solo riusciti ad intristirci …
    Che bello invece vedere che quello che noi neanche ci accorgiamo di avere è un regalo meraviglioso.
    Grazie ancora Susanna, le tue parole mi mettono sempre di buon umore.

    Risponde Susanna Campus: cara maria, si questo periodo di crisi ha impedito a molte persone di andare in vacanza, ma quelli che hanno la fantasia come la mia, possono viaggiare in ogni parte del mondo! molti non sanno o non si rendono conto che fortuna hanno, ad avere la sola “normalità”! il solo fatto di potersi muovere, la sola “indipendenza”, è una vera grazia! sono felice di farti venire il buon umore, ti abbraccio forte susanna

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana