Google+

Strage di Parigi. Veramente sarà come prima?

novembre 23, 2015 Marina Corradi

Pubblichiamo l’articolo contenuto nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Svegliarsi un sabato mattina e trovarsi addosso le tracce di un incubo, come fumi che non vogliono dissolversi. Era fuoco, scariche di fucili, e urla, urla di ragazzi in una città buia, e gente che fuggiva per le strade.

C’è sempre una frazione di secondo, quando si torna dal sonno, in cui la ragione soppesa i fantasmi della notte, e poi, fattasi chiara, li discrimina dalla realtà e li giustizia – come alzando, fra il sogno e la veglia, un crinale. Ma in questa mattina di novembre il meccanismo si inceppa; sopravviene il ricordo di ciò che hai visto in tv la sera prima, e poi, pesante come un maglio, la verità: non era un sogno.

E la memoria dell’accaduto incenerisce il risveglio; per un momento ti pare che niente sarà più come prima. Guerra è la parola che descrive ciò che abbiamo visto, guerra, siamo in guerra, è quella che ritorna fra noi, attoniti. Guerra? La credevamo sepolta questa parola, in Occidente, ne eravamo salvi da settant’anni. Solo i vecchi sanno ancora cosa è la guerra, ormai. Ma cos’altro è se non guerra, catturare una città inerme nel terrore, e quei boati sinistri di esplosioni, cos’è la raffica di colpi in un teatro, la algida esecuzione di decine e decine di ragazzi? (Quella del Bataclan, pensi, è stata una scelta profondamente mirata: ammazzare freddamente, uno ad uno, i nostri figli. Uccidere i figli per dirci: voi, siete finiti).

E oggi sento parlare in tv, parlare molto e spesso a vuoto, come bambini che fanno rumore, per farsi coraggio. Sento dire dai passanti fermati per strada dai giornalisti: «Continueremo a vivere come prima, non gliela daremo vinta». Mah. Vivere come prima, certo, dovremo, dovremo prendere il metrò, e andare nei grandi magazzini. Ma veramente vivremo come prima, con questo tarlo che rode dentro, veramente sarà come prima pensare i nostri figli nelle piazze, o allo stadio?

A me non basta, come motivazione, questo “non diamogliela vinta”: è tanto poco, di fronte a tanto male. Occorre qualcosa di più radicale, di più grande. “Loro” sono per la morte, noi siamo per la vita. Ma quale vita? Quella consueta, distratta, che allinea, accanto a cose belle e necessarie, tempo perso, sciocchezze e vuoto?

Per stare di fronte a tanta morte a me occorre un’altra, ben più profonda vita. Mi occorre ricordare ogni mattina che Cristo è “tutto in tutti”, radice possente, e che nessun male è più forte di lui. Che il destino dei nostri figli e nostro in questa certezza è buono, perfino se cada nell’inferno di un teatro pieno di giovani ostaggi. “Questa” vita, è più forte di ogni morte. Solo in una tale memoria rinnovata ogni mattina penso si possa vivere, e non incenerirsi a poco a poco, tremando a ogni sirena di ambulanza, spiando ogni faccia in metrò come, forse, nemica. Il resto, sono parole. Bisogna avere dentro una vita più grande, di fronte a tanta pressione e arroganza di morte.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.