Google+

Sovversivo ed esuberante il Postmodernismo a Londra

gennaio 3, 2012 Mariapia Bruno

A circa quindici giorni dalla chiusura della mostra, gli anni ’70 e ’80 continuano a giocare un ruolo da protagonisti al Victoria & Albert Museum di Londra. Dal titolo Postmodernism: Style and Subversion 1970-1990, la rassegna si configura come un imperdibile percorso nel più controverso fenomeno della storia dell’arte e del design recente: il Postmodernismo. Dall’architettura, al cinema, alla musica, al design, tutte le aree della cultura popolare sono investite da uno spirito raggiante e aggressivo che, forte di colori esuberanti, superfici artificiali audaci e parodie portate all’estremo, plasma un’epoca dove tutto è con e contro tutto.

Lasciate perdere le prime sale, che raccolgono quasi sterilmente le prime architetture impastate di riferimenti culturali alti e bassi, che voltano le spalle al Modernismo, alle alienanti condizioni del tardo capitalismo e ai più fantasiosi oggetti che paiono rubati dalla scenografia di Arancia Meccanica. Vale la pena soffermarsi nelle sezioni dedicate al cinema e alla musica. Accanto ai costumi indossati durante le riprese, veniamo accolti da uno spezzone di quell’esercizio postmoderno per eccellenza che è il film Blade Runner (1982) di Ridley Scott. Seguono scene di disco-music e proiezioni di quel tormento generato dall’inarrestabile ricerca del progresso a cui mai voltiamo le spalle: il traffico della città superindustrializzata, le luci perennemente accese, le code inarrestabili. Finale sublime: la gigantesca fotografia della borsa di Tokyo nel periodo in cui il Giappone ha quasi superato gli Usa come potenza economica mondiale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana