Google+

Sora Lella, un mito della cucina romana che non delude mai (i tonnarelli alla cuccagna qui sono una bomba)

febbraio 2, 2014 Tommaso Farina

sora-lella-roma-1A volte è pericoloso rivisitare i miti. Più spesso di quanto si vorrebbe, si rivelano caduchi e decaduti, ormai deludenti. Sora Lella no. Sora Lella è un mito, e oggi, nel 2013, è in piena salute.

Sora Lella sarebbe un notissimo ristorante di Roma, dall’incantevole posizione sull’isola Tiberina. Sora Lella è anche il nome di una cara vecchia attrice, che molti conoscono perché ha interpretato due film con Verdone; in realtà partecipò, decenni prima, a pellicole ancor più divertenti: Elena Fabrizi, giunonica caratterista, sorella minore del sommo Aldo Fabrizi. E non è una coincidenza: il ristorante Sora Lella era davvero di Lella. Oggi c’è ancora la sua famiglia al desco: il figlio Aldo Trabalza, che lavora qui dal 1959, da quando terminò la naja, e la relativa discendenza, sempre pronta alle bandiere.

Il locale è pulito, bello, ospitale, con i piatti di ceramica che recano le più divertenti esclamazioni della matriarca, peraltro riportate anche sui menù.

sora-lella-roma-2I menù, per l’appunto, sono devoti alla cucina romana, e contemplano alcune vecchie invenzioni della Sora Lella. Per esempio, le polpette in umido che si mangiano d’antipasto sono una sua variazione della tradizione. Buoni anche i “supplì di Aldo”, nonché la sapida crocchetta di baccalà e gamberi.

Di primo, i classici: rigatoni alla carbonara, gnocchi all’amatriciana, pasta e fagioli. E gli spunti di Lella: i tonnarelli alla cuccagna, con uovo, guanciale, salsiccia e noci. Una bomba, ma equilibratissima e di una bontà tremendamente efficace. E le fettuccine alla tiberina, con funghi secchi, prosciutto e sugo di carne.

Per pietanza, la morbidezza della coratella d’abbacchio ai carciofi; la sicurezza della coda alla vaccinara; l’abbacchio in rollé o alla cacciatora; la trippa; il baccalà in umido. Di dolce, la torta di ricotta o il mitico gelato di ricotta con le visciole.

Cantina di notevole ampiezza, con parecchie annate storiche. Conto di circa 50 euro per quattro piatti. E colpo d’occhio assicurato. “Fatece un giretto”.

Per informazioni
Sora Lella
www.soralella.com
Via di Ponte Quattro Capi, 16 – Roma
Tel. 06/6861601
Aperto tutti i giorni

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download