Google+

Eccomi qui, sono io il nuovo centravanti (contro la Sla) della Juventus

dicembre 24, 2014 Susanna Campus

susanna-campus-juventusCari amici, vi voglio raccontare del mio regalo di Natale particolarmente gradito. Tutto è iniziato quando la mia amica Rosa, referente Aisla della zona di Nuoro, ha incontrato il mio caro amico Massimo Mauro e gli ha chiesto se poteva farmi incontrare i giocatori della mia amata Juve quando sarebbero venuti per la partita col Cagliari. Massimo le ha detto che cercavo di andare a Torino da quasi due anni ma, per questione di trasporto aereo, non ci ero riuscita…. pare io sia più pericolosa di un kamikaze!

Massimo ci ha assicurato che avrebbe tentato. Si è messo al lavoro e ha subito chiamato del mio capitano Gigi Buffon, gli ha parlato di me e del mio desiderio di incontrarli e il grande Gigi ne è rimasto entusiasta. Non rimaneva che convincere la dirigenza della Juventus…. compito più difficile, ma Massimo sarebbe riuscito in questa ardua impresa!

Dopo aver organizzato tutto, mi è stato detto che dovevo andare a Cagliari per ritirare un importante premio da parte dell’Aisla nazionale. “All’ordine” di Massimo Mauro non potevo rifiutarmi e il 17 dicembre alle ore 15 siamo partiti per Cagliari! Per questo “viaggio” (il più lungo per me) eravamo in tanti: la sottoscritta, che dovevo ritirare il premio, le immancabili Immacolata e Ica, mio nipote Antonello e due medici rianimatori, i dottori Profili e Muroni.

susanna-campus-juventus-02SI PARTE!!

Dovevamo incontrarci con la mia amica Rosa, Pierpaolo un volontario Aisla e il piccolo Giulio ad Abbasanta, più o meno a metà strada. Descrivervi il mio viaggio e quello di Ica va al di là di qualsiasi immaginazione, peggio che andare sulle montagne russe senza sbarra di protezione, molto molto peggio!

Arrivati a Cagliari dopo 3 ore di supplizio ci siamo diretti nell’albergo dove avrebbe alloggiato la Juventus. L’agitazione ha incominciato a impadronirsi di me: ero più tesa di un elastico. Cosa avrei detto loro? Non erano i “miei ragazzi” della Dinamo con cui ho confidenza e non hanno timore di me, speravo non si spaventassero, perché la Sla spaventa! Speravo di riuscire a “non essere sbagliata” e soprattutto di essere me stessa, come mi dice sempre un caro amico!

susanna-campus-juventus-01Alle 20 e 15 abbiamo sentito le urla dei tifosi. Ecco, erano arrivati.

Per primo è venuto a salutarmi Giorgio Chiellini col quale abbiamo chiacchierato un po’ e devo sottolineare la grande premura e attenzione, grande campione di sensibilità. Immediatamente altri giocatori che non hanno lesinato né autografi né foto; sono stati tutti molto carini, ma quando è venuto verso di me il mio immenso capitano Gigi Buffon con Andrea Pirlo ho avuto il capogiro! Con Gigi abbiamo scherzato ed è stato molto affettuoso, abbiamo parlato di Massimo…. Massimo giuro…. abbiamo parlato bene e… non sarebbe potuto essere il contrario. Prima di lasciare il passo a tutti gli altri ragazzi Gigi mi ha dato un buffetto sulla guancia per salutarmi e si è allontanato. Gigi ti scuso perché non mi hai baciato, era la prima volta che ci vedevamo, non come il mio capitano della Dinamo Manuel Vanuzzo che mi bacia sempre per salutarmi! Bé, non avete la stessa confidenza! Con i giocatori italiani ho potuto scambiare qualche parola ma con gli stranieri solo un saluto, per me sarebbe stato come parlare in “marzianese”! Va bé, ho coniato una nuova lingua.

susanna-campus-juventus-03C’è voluto un po’ prima di incontrarli tutti perché sono veramente tanti; ma pochi possono capire la grande emozione che ho provato, era come se avessi bevuto un mondo di vino tanto mi sentivo ubriaca di felicità, non sapevo dove stavo e la carrozzina volava insieme a me, avevo messo il turbo e volavo come un aereo a reazione.

Il sogno di una vita, incontrare i miei beniamini e, per giunta, incontrare il mio grande capitano Buffon si era realizzato grazie a Massimo Mauro e alla mia amica Rosa. Sì Massimo stavolta si è vestito da Babbo Natale… è volato sulla slitta e…. ha mantenuto la promessa di farmi incontrare la mia Juve…. gran bel Babbo Natale!

Pensate che il mio Babbo Natale si è anche scusato con me perché avrebbe voluto farmi passare più tempo coi miei beniamini ma… scherziamo? Certo l’avrei desiderato e fosse stato possibile li avrei tirati per la giacca ma l’indomani dovevamo giocare contro il Cagliari e si sa benissimo come sono andate le cose… ovviamente abbiamo vinto!

Sono io a doverti ringraziare i miei Babbi Natale, Massimo e Rosa, che mi hanno regalato questo sogno meraviglioso. In più ho avuto la maglia col mio nome e il numero 10 perché, dicono, che sono un attaccante puro contro la Sla.

susanna-campus-juventus-05A questo proposito vorrei fare una puntualizzazione… non ho la mia maglia con nome e numero né della Dinamo né della Torres…. presidente e amico Stefano Sardara, presidente Capitani e Andrea Budroni che facciamo? Devo gufarvi come ho fatto con la Ferrari? Ovviamente scherzo, non potrei mai gufare le mie amate squadre ma… quelle maglie mi mancano!

Vestita con la mia divisa Dinamo e la mia maglia della Juve avevo il cuore tutto sportivo addosso, mi mancava il cuore torresino… non ho la divisa… dovrò provvedere!!

Ringrazio la dirigenza della Juventus e il Presidente Agnelli che insieme a Massimo Mauro e Rosa mi hanno fatto questo splendido regalo di Natale.

Era arrivato il momento di ripartire da Cagliari e così ci siamo rimessi in marcia e siamo tornati a casa all’una del mattino. Non voglio descrivervi in che condizioni sono a distanza di giorni ma la mia felicità supera qualsiasi ostacolo.

Vi volevo raccontare del mio bellissimo regalo di Natale avuto grazie a tante persone meravigliose, compresi tutti i miei accompagnatori quasi tutti juventini tranne la mia cara Ica che ha fatto uno sforzo maggiore ad accompagnarmi e credo che tanti, tantissimi mi avranno invidiato e poi… dice che sono sfortunata, ma in cosa sono sfortunata? Sono super-fortunata! Non a tutti capita una cosa così bella, riuscire a realizzare tanti sogni! E adesso, cari accompagnatori, tremate! Pensiamo al prossimo sogno in programma da realizzare!

GRAZIE MASSIMO E ROSA DI QUESTO SPLENDIDO REGALO DI NATALE.

AUGURI A TUTTI DI UN SERENO NATALE E BUON 2015!

Bacioni

Susanna

p.s. Se vi dicono che Babbo Natale non esiste, non ci credete! ESISTE,ESISTE, lasciatevelo dire da me!

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana