Google+

Soldi / Ritorno alla lira? Con l’euro il costo dei mutui si è ridotto del 70% in 20 anni

marzo 2, 2017 Mariarosaria Marchesano

soldi-mutuo-shutterstock_544420159

Negli ultimi tempi sono sempre più frequenti le analisi economiche che tentano di valutare l’impatto che avrebbe per l’Italia l’uscita dall’euro. Le ipotesi e i calcoli si sprecano e finiscono tutte con il prevedere un ritorno a una lira fortemente svalutata (per alcuni un bene, per altri un male). Ma che cosa cambierebbe per le famiglie? Un indicatore interessante potrebbe essere la rata del mutuo, forse la principale voce di spesa del bilancio familiare per chi vive in una casa di proprietà (se non l’ha ereditata o acquistata in contanti).

Ebbene, invece che addentrarsi in una complessa simulazione su come cambierebbe la rata del prestito con un ritorno alla lira, una ricerca congiunta di Mutui.it e Facile.it ha fatto un percorso diverso, ma basato su dati oggettivi. E arriva alla seguente conclusione: il costo dei finanziamenti per l’acquisto della casa ha cominciato lentamente ma inesorabilmente a ridursi con il passaggio dalla lira all’euro, avvenuto  tra la fine degli anni Novanta e l’inizio del Duemila, fino ad arrivare ai livelli attuali, cioè poco sotto il 3% per i mutui a tasso variabile, poco sopra il 3% per quelli a tasso fisso. Un livello che non ha precedenti se paragonato alla media dei tassi pre euro.

L’analisi di Mutui.it e Facile.it si basa sulla serie storica dei tassi effettivi globali medi dei mutui che vanno dal 1997 (quindi quando c’era ancora la lira) a oggi (fonte Banca d’Italia). Ebbene, osservando lo storico dei dati, si nota che, all’inizio delle rilevazioni, il tasso effettivo globale dei mutui (Tegm) era pari al 10,6%. Il dato è via via scivolato verso il basso, eccetto brevi periodi di impennata dovuti a particolari condizioni. In tempi a noi più vicini (luglio 2016), Banca d’Italia segnala un tasso del 2,6% per i variabili e del 3,18% per i fissi, meno di un terzo del valore rilevato alla fine degli anni Novanta.

Da questa analisi è quindi evidente che l’effetto dell’euro sui mutui sia stato quello di una diminuzione netta dei costi (-70%). Diminuzione analoghe sono state stata registrate anche in altri settori, grazie anche alla contemporanea discesa del tasso d’inflazione. Situazione che, peraltro, viviamo anche oggi ma per una causa diversa, cioè per la frenata generale dei consumi. Indotta proprio, oltre che dalla crisi, dalla paura che l’euro abbia reso tutto più caro.

L’unica cosa che si potrebbe obiettare a questa ricerca è che, a fronte della riduzione del costo del prestito nei 20 anni presi in considerazione, è lievitato il prezzo delle case, in alcuni casi è raddoppiato. Quindi occorrono tanti più soldi per comprare un appartamento rispetto al 1997 e allo stesso tempo il potere di acquisto dello stipendio in euro è di gran lunga inferiore. Ma questa è un’altra storia….

Per saperne di più, scrivi a lamiaeconomia@tempi.it

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.