Google+

Soldi / Paura del Bail in? Compro titoli della Banca Mondiale

maggio 10, 2017 Mariarosaria Marchesano

soldi-mutuo-shutterstock_544420159

Se il tema è la sicurezza (intesa come protezione del capitale investito), le obbligazioni della Banca mondiale dovrebbero rappresentare una garanzia. Di questi prodotti non si parla molto, tranne negli ultimi mesi in cui alcune emissioni sono state pubblicizzate più di altre volte, ma in realtà possono rappresentare un’alternativa per chi è stufo di azioni e titoli di stato (come ha spiegato il presidente uscente di Consob, Giuseppe Vegas, gli investimenti degli italiani in queste due categorie sono molto diminuiti nel periodo 2007-2016). Inoltre, non tutti sanno che le obbligazioni della Banca mondiale sono al riparo dal bail in (cioè da quella normativa europea che impone l’utilizzo anche dei depositi dei correntisti, sopra un certo ammontare, in caso di salvataggio di una banca in crisi). Attenzione, però, va anche detto che questi titoli sembrano più adatti a un profilo d’investitore che ha davanti un orizzonte temporale abbastanza lungo, anche 10 anni. Ma andiamo per gradi.

RATING TRIPLA A. La Banca mondiale raccoglie fondi sul mercato internazionale dei capitali per supportare progetti di sviluppo sostenibile nei paesi membri beneficiari. Questi progetti sono volti a ridurre la povertà e a stimolare una crescita equa e condivisa in numerosi settori, tra cui istruzione, sanità, agricoltura, sicurezza alimentare e infrastrutture essenziali. Le obbligazioni per uno sviluppo sostenibile offrono agli investitori l’opportunità di supportare i paesi membri nel raggiungimento dei loro obiettivi di sviluppo coniugando desiderio di un rendimento con quello di contribuire alla sostenibilità sociale e ambientale. Per questa sua attività la Banca mondiale gode di un rating tripla A, il che vuol dire che i titoli di debito emessi presentano un margine di sicurezza molto elevato per chi li acquista. In pratica, garantiscono capitale e rendimenti come sottolinea Andrea Baranes, presidente della Fondazione Banca Etica sempre molto attenta a segnalare gli aspetti particolarmente critici e speculativi del mondo del risparmio e degli investimenti. “Questo genere di prodotto sta diventando un nuovo tipo di bene rifugio, come un tempo lo erano l’oro e il mattone”, dice Baranes, “i risparmiatori stanno scoprendo queste obbligazioni sia per la crisi di fiducia che stanno vivendo con i mercati finanziari sia perché il livello dei rendimenti di altri prodotti è molto basso, quasi vicino allo zero”.

TITOLI SCAMBIATI IN BORSA. Per Baranes, un rating tripla A come quello della Banca mondiale rappresenta, dunque, una buona garanzia, in più queste obbligazioni, oltre a essere al riparo dal bail in, godono di una tassazione agevolata (imposta sostitutiva del 12,5%). Ma c’è un altro aspetto più tecnico da conoscere. I titoli sono scambiati anche a piazza Affari sul circuito secondario dell’Euromot e questo consente di poterli acquistare in qualsiasi momento (tramite la propria banca). Per esempio, le ultime due emissioni di obbligazioni sostenibili denominate in dollari australiani e dollari neozelandesi, si sono chiuse a fine aprile, ma questo non vuol dire che non si possano comprare come spiegano anche i consulenti dei call center disponibili tutti i giorni. Attualmente, le obbligazioni World bank presenti sul listino di Borsa italiana sono una decina in tutto, scadono tra il 2019 e il 2027 (a seconda dell’anno di emissione) e riguardano progetti di sviluppo di altrettanti paesi. Il tasso d’interesse è fisso e varia dal 3% per le emissioni in dollari australiani al 7,60% per quelle in real brasiliano.

Per approfondimenti e info scrivi a: lamiaeconomia@tempi.it

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana