Google+

Soldi / Paura del Bail in? Compro titoli della Banca Mondiale

maggio 10, 2017 Mariarosaria Marchesano

soldi-mutuo-shutterstock_544420159

Se il tema è la sicurezza (intesa come protezione del capitale investito), le obbligazioni della Banca mondiale dovrebbero rappresentare una garanzia. Di questi prodotti non si parla molto, tranne negli ultimi mesi in cui alcune emissioni sono state pubblicizzate più di altre volte, ma in realtà possono rappresentare un’alternativa per chi è stufo di azioni e titoli di stato (come ha spiegato il presidente uscente di Consob, Giuseppe Vegas, gli investimenti degli italiani in queste due categorie sono molto diminuiti nel periodo 2007-2016). Inoltre, non tutti sanno che le obbligazioni della Banca mondiale sono al riparo dal bail in (cioè da quella normativa europea che impone l’utilizzo anche dei depositi dei correntisti, sopra un certo ammontare, in caso di salvataggio di una banca in crisi). Attenzione, però, va anche detto che questi titoli sembrano più adatti a un profilo d’investitore che ha davanti un orizzonte temporale abbastanza lungo, anche 10 anni. Ma andiamo per gradi.

RATING TRIPLA A. La Banca mondiale raccoglie fondi sul mercato internazionale dei capitali per supportare progetti di sviluppo sostenibile nei paesi membri beneficiari. Questi progetti sono volti a ridurre la povertà e a stimolare una crescita equa e condivisa in numerosi settori, tra cui istruzione, sanità, agricoltura, sicurezza alimentare e infrastrutture essenziali. Le obbligazioni per uno sviluppo sostenibile offrono agli investitori l’opportunità di supportare i paesi membri nel raggiungimento dei loro obiettivi di sviluppo coniugando desiderio di un rendimento con quello di contribuire alla sostenibilità sociale e ambientale. Per questa sua attività la Banca mondiale gode di un rating tripla A, il che vuol dire che i titoli di debito emessi presentano un margine di sicurezza molto elevato per chi li acquista. In pratica, garantiscono capitale e rendimenti come sottolinea Andrea Baranes, presidente della Fondazione Banca Etica sempre molto attenta a segnalare gli aspetti particolarmente critici e speculativi del mondo del risparmio e degli investimenti. “Questo genere di prodotto sta diventando un nuovo tipo di bene rifugio, come un tempo lo erano l’oro e il mattone”, dice Baranes, “i risparmiatori stanno scoprendo queste obbligazioni sia per la crisi di fiducia che stanno vivendo con i mercati finanziari sia perché il livello dei rendimenti di altri prodotti è molto basso, quasi vicino allo zero”.

TITOLI SCAMBIATI IN BORSA. Per Baranes, un rating tripla A come quello della Banca mondiale rappresenta, dunque, una buona garanzia, in più queste obbligazioni, oltre a essere al riparo dal bail in, godono di una tassazione agevolata (imposta sostitutiva del 12,5%). Ma c’è un altro aspetto più tecnico da conoscere. I titoli sono scambiati anche a piazza Affari sul circuito secondario dell’Euromot e questo consente di poterli acquistare in qualsiasi momento (tramite la propria banca). Per esempio, le ultime due emissioni di obbligazioni sostenibili denominate in dollari australiani e dollari neozelandesi, si sono chiuse a fine aprile, ma questo non vuol dire che non si possano comprare come spiegano anche i consulenti dei call center disponibili tutti i giorni. Attualmente, le obbligazioni World bank presenti sul listino di Borsa italiana sono una decina in tutto, scadono tra il 2019 e il 2027 (a seconda dell’anno di emissione) e riguardano progetti di sviluppo di altrettanti paesi. Il tasso d’interesse è fisso e varia dal 3% per le emissioni in dollari australiani al 7,60% per quelle in real brasiliano.

Per approfondimenti e info scrivi a: lamiaeconomia@tempi.it

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download