Google+

Soldi / I segreti per scegliere fondi pensione e Pip su misura

marzo 1, 2017 Mariarosaria Marchesano

soldi-mutuo-shutterstock_544420159

Le decisioni più importanti di una persona in materia finanziaria sono quelle legate alla pianificazione del risparmio per la vecchiaia. La maggiore diffusione di informazioni programmata da Inps con la cosiddetta busta arancione rappresenta un’occasione importante per aiutare gli individui a valutare l’opportunità di investire nella previdenza complementare. Le riforme che si sono succedute nel tempo e la minore stabilità delle carriere lavorative hanno aumentato l’esposizione delle famiglie ai rischi legati al reddito e agli investimenti finanziari. Puntare su un’integrazione di reddito rappresenta dunque un’opportunità, ma deve superare anche molte insidie.

In particolare, si pone il problema della corretta comprensione dei prodotti venduti da banche e assicurazioni, cioè i fondi pensione e i Pip, Piani individuali pensionistici. D’altro canto, se chi vende un prodotto finanziario, assicurativo o previdenziale svolge allo stesso tempo una funzione di consulenza, si instaura un inevitabile conflitto di interesse.

Per questo, l’informazione gioca un ruolo fondamentale. E non è un caso che a partire dal primo aprile, chi sottoscriverà un piano di previdenza integrativa riceverà a casa un questionario di autovalutazione da compilare con tutte le notizie necessarie sul suo profilo (reddito, obiettivi e bisogni futuri) di cui l’intermediario finanziario dovrà tenere in debito conto. Ma vediamo quali sono, in linea di massima, i principi generali che dovrebbero guidare le persone in questo tipo di scelte.

“Sono tre le considerazioni fondamentali da fare prima di decidere di avviare una forma di previdenza complementare”, spiega a Tempi.it Andrea Carbone, consulente dell’area previdenza di Progetica, società specializzata nell’educazione e pianificazione finanziaria, “Innanzitutto occorre riflettere sui tempi e porsi una domanda: quando termina la mia vita lavorativa? Ma attenzione, a non confondere il desiderio di smettere di lavorare con i tempi imposti dalle leggi”.

Una volta fatta una previsione realistica si passa alla seconda valutazione relativa allo stile di vita. Occorre calcolare, sempre secondo Carbone, “a quanto ammonta il mio fabbisogno mensile una volta che sarò andato in pensione? Occorre valutare tutte le possibili variabili, compreso l’eventuale sostegno dei figli”. In questo passaggio occorre conoscere esattamente anche che cosa dice in proposito la busta arancione (nel caso dell’Inps): serve per fare una stima della somma che si ritiene necessaria aggiungere al vitalizio base.
La terza e ultima valutazione riguarda la scelta della soluzione più adatta alle nostre esigenze. E qui interviene un parametro fondamentale rappresentato dal profilo di rischio. “E’ molto importante scegliere le caratteristiche del piano integrativo in relazione al tempo che manca alla pensione. Mi spiego meglio: se mi mancano solo 10 anni è corretto adattarsi a un profilo di rischio più prudente puntando su un prodotto che investa meno nell’azionario e più nei titoli di stato. Se al contrario il mio orizzonte temporale è di 30 – 40 anni posso osare di più e a quel punto può essere corretto un investimento in uno strumento che prediliga l’azionario”.

Per saperne di più scrivi a: lamiaeconomia@tempi.it

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In due mesi tutto è cambiato. Sino a poco tempo fa, i colossi dell’elettronica Google e Apple sembravano pronti a insegnare al mondo dell’auto tradizionale come progettare una vettura rivoluzionaria, elettrica e a guida autonoma. Secondo alcuni analisti del mercato, avevano le potenzialità per rivoluzionare il mondo delle quattro ruote. Poi, come il fuoco di […]

L'articolo Google Car e Apple iCar: non s’hanno da fare proviene da RED Live.

Con la nuova Ducati Multistrada 1200 Enduro Pro, la voglia di avventura è ancora più grande. Il conto però è salato: 22.990 euro

L'articolo Ducati Multistrada 1200 Enduro Pro proviene da RED Live.

Se fosse una compagna di scuola, la Peugeot 308 sarebbe la classica ragazza seduta nei banchi della seconda fila; precisa, puntuale, concreta e in grado di ottenere ottimi risultati. Però poco appariscente. La tipica studentessa che pochi notano e che i professori danno per scontato sia in grado di ben figurare in ogni frangente. Ora, […]

L'articolo Prova nuova Peugeot 308 proviene da RED Live.

Il suo logo a forma di ruota spicca su caschi, capispalla, piumini, borsoni, zaini, bracciali in argento e foulard in seta, e non a caso. La collezione di abbigliamento e accessori uomo/donna Milano 1914 trae difatti la sua identità da EICMA, il Salone internazionale delle moto, la cui prima edizione è datata 1914, appunto. E […]

L'articolo Milano 1914, nuova collezione e corner al Boscolo proviene da RED Live.

La scelta di un’automobile è una decisione che dipende dall’utilizzo che se ne vuole fare. Chi ha bisogno di un mezzo da guidare esclusivamente in città, sarà orientato verso un’auto più compatta e maneggevole; se la vettura accompagnerà spesso la famiglia in gite fuori porta, ruote grandi e ammortizzatori rinforzati saranno determinanti; se il conducente […]

L'articolo Il cambio: tipologie e caratteristiche (automatico / semiautomatico / manuale) proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana