Google+

Sobrietà, povertà, decrescita. E se, invece, provassimo a usare un’altra parola? “Verginità”

La simpatia che riscuote papa Francesco è evidente.
A giudicare da giornali e televisione la Sua figura sembra accordarsi perfettamente ai tempi.
Eppure Gesù pianse su Gerusalemme, proprio perché chi la abitava non capiva i tempi.
Ora questi sono tempi in cui sviluppo, crescita, ricchezza, ambiente sono parole tra loro contrastanti, forse anche inconciliabili; al punto che termini come misura, sobrietà, non spreco diventano parole sensibili e accoglienti.
Tutti un po’ più poveri ma più felici, dice da anni Latouche e ripete oggi colui che pare il suo seguace più accreditato, Beppe Grillo.

Quindi Cristo, il Suo vicario, i Suoi seguaci non avrebbero motivo di piangere su questa nostra Gerusalemme europea?
Gli interpreti della decrescita sobria e felice hanno capito i tempi?

Immaginiamo cosa succederebbe se traducessimo la parola povertà con la parola verginità: guardare e usare le cose e le persone che puoi avere, sapendo che non sono tua proprietà.
Proviamo a dire ai giovani e agli adulti, a quelli e a quelle cui il matrimonio o la convivenza è andata male, a quelli o a quelle la cui gravidanza è indesiderata, a chi ha i soldi e a chi non l ha, a chi ha un potere grande e a chi ha un potere piccolo, a chi ha il figlio che si droga o non studia e a chi ha allevato bravi fanciulli: l’ideale della vita è la verginità.

Come Francesco. Il Santo e il Papa.
Come la Maddalena, che usò il costosissimo profumo di nardo per i piedi dell’uomo che amava.
Verginalmente.
La verginità non è uno sforzo morale, ma l’amore, l’attaccamento a Chi fa nuove tutte le cose.
Un’ipotesi ragionevole poiché il nostro destino o è la morte o la resurrezione promessa.
Cosa può dare, infatti, l’uomo in cambio della propria vita?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    verginità in un paese puttana?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana