Google+

Se Assad cade vince Al Qaeda, che è peggio

agosto 29, 2013 Riccardo Ruggeri

Riportiamo alcuni stralci dell’artico “Usa, Gb e Francia si pavoneggeranno con il cappello di Robin Hood e a noi toccherà accogliere i profughi” di Riccardo Ruggeri, apparso sul quotidiano Italia Oggi Noi vi ricordiamo di firmare l’appello contro l’intervento armato

Siamo alle solite. All’Eliseo è cambiato l’inquilino, un inetto di destra (Sarkozy, con Carlà di scorta) è stato sostituito da un inetto di sinistra (Hollande). Costui, non sapendo fare il mestiere di gestore della cosa pubblica, sposta sulla politica estera il focus, sperando che il popolo francese sia talmente idiota da credergli. Lo stesso fa Cameron, mentre Obama, come suo solito, non sa che pesci pigliare. L’unico felice è Bernake, e i banchieri di scorta, che così ha trovato l’appiglio che cercava per continuare a stampare “vagonate” di dollari (l’unica strategia economica che conosca). Kerry lasciamolo perdere, è imbarazzante già in conferenza stampa, figuriamoci nell’operatività.

La scena è la stessa di alcuni anni fa, la Libia del “sudicio” Gheddafi massacratore di 50 mila vecchi e bambini (mesi dopo si scoprì che era una colossale bufala) quindi bombardato e assassinato per strada (pensa te), poi la primavera del Cairo, giovani virgulti contro il “corrotto” Mubarak (eliminato), le finte elezioni, la finta vittoria dei Fratelli Musulmani, l’applicazione della losca sharia con annessa gestione corrotta del Paese. Quando i militari, stufi, ripristinano un minimo di ordine, grande irritazione dei soliti tre “languidi” leader occidentali.

Questa sceneggiata l’abbiamo già vista, ogni volta destra e sinistra nostrane si saldano chiedendo la guerra per scopi umanitari, per farsi perdonare quell’unica volta che c’era una vera motivazione umanitaria, il Ruanda, e loro non fecero nulla, salvo un paio di film grondanti retorica.

La prima domanda che i “buoni” (saremmo noi occidentali) dovrebbero porsi quando vogliono fare una guerra è: “Chi è il cattivo?” Sfido qualsiasi persona di buon senso a stabilire se è peggio Assad, con i suoi alleati Iran, Hezbollah, estremismo sciita o sono peggio i suoi nemici, i fanatici sunniti, supportati da Al Qaeda, talebani, salafiti. Nessuno che si chieda perché il losco Erdogan, lo stesso che in patria è stato spietato contro i giovani rivoltosi laici, spinga gli occidentali ad attaccare Assad? Oppure, perché l’Arabia Saudita, che supporta economicamente l’Egitto dei generali golpisti, nel contempo vuole che gli occidentali facciano il lavoro sporco contro Assad? Perché Israele frena? Perché sa che se Assad cade vince Al Qaeda, che è peggio.

(…) Per quanto ci riguarda, Emma Bonino dà ampie garanzie, l’articolo 11 della Costituzione (spesso invocata per fesserie) ci protegge, gli unici aerei che possediamo, i Canadair, non sono idonei per i bombardamenti, quindi siamo esenti. La nostra strategia dev’essere banale, ripetere fino alla noia: “Un intervento senza la copertura legale del Consiglio di Sicurezza dell’ONU è per l’Italia impraticabile”. Grazie, Putin e Xi che ci siete. Comunque, poiché Obama-Cameron-Hollande la guerra ad Assad la vogliono fare per i soliti motivi di immagine personale (e la faranno, e ovviamente la perderanno, come tutte le altre) il nostro destino è segnato: mentre loro tre si pavoneggeranno vestiti da Robin Hood, con cappello, piuma, arco e frecce, a noi toccheranno i profughi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana