Google+

Si sono dimenticati Galan in carcere. Sarà perché non confessa?

settembre 17, 2014 Redazione

Il Foglio di Giuliano Ferrara ricorda oggi in un editoriale che Giancarlo Galan, già presidente della Regione Veneto e due volte ministro (Agricoltura e Cultura), è ancora detenuto senza processo nel carcere di Opera. «Dal 22 luglio, quando fu arrestato e trasferito in ambulanza» in galera, il politico di Forza Italia è stato “dimenticato” là, nella totale indifferenza di tutti, compresi i «parlamentari che hanno votato vergognosamente per consentirne l’arresto».

ABUSO DI MANETTE? «La custodia cautelare – spiega il Foglio – è consentita dal nostro ordinamento solo per specifiche ragioni: rischio di manomissione delle prove o di ripetizione del reato, oltre al pericolo di fuga». Però nel caso di Galan – che per altro «pare sia fortemente sofferente dal punto di vista sanitario» – secondo il quotidiano di Ferrara non esiste «nessuna di queste tre ragioni per mantenere le misure afflittive». Ma allora perché l’uomo resta rinchiuso a Opera? Non sarà che Galan è ancora in custodia cautelare perché «non ha confessato i reati che gli vengono contestati», come adombra l’editoriale del Foglio?

IL SUO CASO NELL’OBLIO. L’ex governatore, osserva l’articolo, «risulta oggi piuttosto isolato politicamente, non si sono sentite voci a sua difesa» e «il suo caso sembra dimenticato anche dai suoi antichi sostenitori». Probabilmente è così perché nell’immaginario collettivo, basato su ricostruzioni di stampa totalmente appiattite sulle carte dell’accusa, Galan è ormai “condannato” senza appello a essere il centro criminoso di una «colossale ragnatela corruttiva costruita attorno al Mose veneziano».

NON SI ESTORCONO CONFESSIONI. Peccato che, nonostante la sentenza mediatica, nei suoi confronti non ci sia stato ancora alcun processo, e che lui «continua a negare di essere stato al centro» di tutto quel presunto malaffare. «Il codice di procedura – nota il Foglio – consente agli imputati di non autoaccusarsi e persino di mentire» per difendersi «senza subire conseguenze». Soprattutto, continua l’editoriale, la nostra giustizia «non prevede l’uso della carcerazione preventiva come strumento di pressione, per non dire di tortura», al fine di «estorcere confessioni».

FERIE LUNGHE? Magari Galan è ancora lì «a marcire agli arresti» solo perché «le ferie dei magistrati hanno impedito di esaminare tempestivamente le richiesta di cessazione delle misure cautelari», ipotizza il quotidiano. Se così fosse, ogni italiano si dovrebbe «indignare». La sensazione invece è che non se ne accorgerà nessuno.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. lucillo scrive:

    Sulle condizioni di salute non discuto. Però certamente Galan ha mezzi (soldi e conoscenze) per inquinare le prove, per reiterare i reati, per sottrarsi al processo.

    • giovanna scrive:

      Bravo Lucillo, hai capito tutto, come al solito !

      Non hai letto, vero, “nessuna delle tre ragioni ” ?

      Ti do un aiutino : siccome era più di un anno che indagavano prima dell’arresto, con tanto di avviso , le prove , se si volevano inquinare, si erano inquinate da un bel pezzo !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana