Google+

Si rivive a Parigi l’atmosfera magica dello Chat Noir

agosto 23, 2012 Mariapia Bruno

Nella butte di Montmartre, la collinetta nel 18esimo arrondissement da cui l’imponente la Basilica del Sacre Coeur domina Parigi, alla fine dell’Ottocento sorgeva un luogo di ritrovo per poeti e pittori bohémien, lo Chat Noir, cabaret d’avanguardia di enorme successo diventato subito leggenda. Si ritrovavano li, in quella che oggi è rue Victor-Massé, Paul Verlaine, Erik Satie, Claude Debussy, Paul Signac e sorseggiavano l’assenzio, il solito di Victor Hugo, servito in coppe d’oro, assistendo a spettacoli di cabaret e al teatro di ombre a colori. Ed è proprio li che Odette si reca insieme a Charlus in un episodio di Alla ricerca del tempo perduto di Marcel Proust. «Le Chat Noir è uno dei più straordinari cabaret del mondo. C’è chi socializza con i più importanti uomini di Parigi, e chi incontra stranieri da ogni angolo del mondo… E’ il più grande successo del secolo! Entrate! Entrate!» gridava Adolphe Salis – il fondatore del locale – ad affezionati e avventurieri a caccia di ironia, satira e humor.

Un posto dove si incontrarono stili e stravaganze agli antipodi, che il Museo di Montmartre fa rivivere nella mostra Autour du Chat Noir. Arts et Plaisirs à Montmartre 1880-1910, aperta dal 13 settembre 2012 al 13 gennaio 2013 al 12 di Rue Cortot, che ricostruisce attraverso le opere di circa duecento artisti, da Henri de Toulouse-Lautrec a Edouard Vuillard a Théophile-Alexandre Steinlen, ad Adophe Villette, ai Nabis, i Simbolisti e gli umoristi, l’atmosfera magica del tempo. E dopo una carrellata di immagini, stampe e disegni, dulcis in fundo, la ricostruzione del teatro d’ombre, con tanto di sottofondo di musica dell’epoca. Ma a cosa si deve il nome del locale? Secondo alcuni lo Chat Noir è stato battezzato così in onore di un gatto nero che Salis trovò sul marciapiedi durante i lavori, secondo altri il simbolo del gatto nero era stato ripreso da un disegno trovato sul muro durante il restauro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana