Google+

Sesso e potere, Repubblica spiega la sua ossessione per i “posticini segreti” dei politici

febbraio 20, 2012 Redazione

 

SCONTRINO EXTRALUSSO. Altro che vin brulè per riscaldarsi. Nei bar e nelle baite di Courmayeur si sorseggia anche champagne. Già. Una bottiglia di bollicine francesi, accompagnata da qualche piatto. Alla fine per lo spuntino, tra una pista e l’altra, si pagano 200 euro. È l’altra Italia, quella dei nababbi che non conoscono la crisi e per il weekend di Carnevale si possono permettere stravizi. Il tutto con regolare scontrino.
Diego Longhin, la Repubblica

LA PROSSIMA IN GO-KART. Adesso che gli 007 del fisco si sono sfilati gli sci, che gli scontrini non emessi si stanno trasformando in contestazioni, forse, si può cominciare a intravedere l’altro volto della macchina fiscale.
Nicola Saldutti, Corriere della Sera

JESUS. All’uscita dalla messa nella sua parrocchia di San Pietro in Sala, Mario Monti è stato circondato da alcuni bambini che sul sagrato lo hanno fermato per chiedergli un autografo. Il premier, che abita in zona De Angeli, si è fermato e sorridente ha scambiato due battute con loro.
Fotonotizia della Repubblica

SONO DALTONICA. Esistono le toghe rosse? «Non ne ho mai avuto la percezione».
Paola Severino, ministro della Giustizia, intervistata da Lucia Annunziata a In 1/2 ora, Liana Milella, la Repubblica

SONO STATA IN COMA VENT’ANNI. Berlusconi è perseguitato giudiziariamente? «Non conosco gli atti».
Paola Severino, ministro della Giustizia, intervistata da Lucia Annunziata a In 1/2 ora, Liana Milella, la Repubblica

PORA STELLA DI UN PM. Con Di Pietro credo che ci sia stima reciproca. Le sue lacrime erano di rabbia perché si è sentito aggredito pensando di aver fatto bene… Ma è un tipo di sofferenza che accumuna tutti i politici che stanno facendo del bene e soffrono per le critiche che ricevono. Capita anche a me.
Paola Severino, ministro della Giustizia, ospite a In 1/2 ora, Corriere della Sera

IN CERTI CASI SI DICE “PALLA”. Si dice “bomba” in senso generalmente metaforico: per dire una notizia o un fatto clamoroso, destinato a scoppiare suscitando reazioni e polemiche.
Giovanni Valentini fa la mappa italiana degli ordigni bellici inesplosi, la Repubblica

CIOÈ LOFFE. Ma qui diciamo “bombe”, al plurale, in senso stretto: cioè ordigni esplosivi. Per maggior precisione, bombe chimiche.
Giovanni Valentini fa la mappa italiana degli ordigni bellici inesplosi, la Repubblica

PIÙ PIL PER TUTTI. Se quel famoso impegno preso a Lisbona, il 60 per cento delle donne occupate, diventasse realtà, in Italia il Pil salirebbe del 7 per cento.
Cinzia Sasso, la Repubblica

ERA UN PO’ L’IDEA DI SILVIO. Investire nelle donne converrebbe alla società, dal punto di vista dello sviluppo economico, del bilancio fiscale, dell’utilizzo pieno di tutte le risorse umane disponibili.
Chiara Saraceno, la Repubblica

L’ONANISMO AL POTERE. Assai più realistica la sensazione che la “sobrietà” dei professori abbia molto a che fare con l’intenso e spasmodico ciclo di scandali sessuali che hanno segnato in Italia il biennio 2009-2011: Noemi, D’Addario, Marrazzo, Boffo, Cinzia-gate alla bolognese, massaggi Bertolaso, Ruby, annessi e connessi.
Filippo Ceccarelli, la Repubblica

DOVE LA TIENI LA BRIOCHE? Il punto decisivo da cui muove l’analisi è che nell’odierna società politica si cerca con insistenza nella sessualità dei potenti il segreto del loro potere.
Filippo Ceccarelli, la Repubblica

FACCELA VEDÉ. Nulla oggi più del sesso contiene «una capacità di rivelazione e di illuminazione» non solo sul tipo di comando che il politico esercita, ma soprattutto e specialmente quando questo si guarda bene dall’esplicitarlo.
Filippo Ceccarelli, la Repubblica

EFFETTO VERISSIMO. Ogni scandalo è stato prima alimentato e poi riprodotto, oltre che da testimonianze, da foto, filmati, intercettazioni e registrazioni che ne hanno sostenuto e intensificato “gli effetti di verità”.
Filippo Ceccarelli, la Repubblica

È PROPRIO SPIONAGGIO. In questo quadro la retorica del gossip risulta riduttiva, se non fuorviante.
Filippo Ceccarelli, la Repubblica

KAMIKAZE. Certo, bisognerebbe iniziare a dare soldi a gente che li vale davvero.
Antonio Dipollina, la Repubblica

MEGLIO IL BANCHIERE FRANCESE. Possiamo avere commesso degli errori ma siamo riusciti a preservare i francesi dalla sorte che è toccata all’operaio greco, al pensionato italiano o al disoccupato spagnolo.
Nicolas Sarkozy, Corriere della Sera

MI È ENTRATA UNA TETTA IN CIRCOLO. Gli effetti collaterali erano tutti elencati: fino al 70 percento degli impianti (di silicone al seno, ndr) si sarebbero induriti come “palle da golf”, per poi rompersi, lasciando infiltrare il silicone nei tessuti circostanti e in altre parti del corpo delle donne, con conseguenze del tutto sconosciute.
Naomi Wolf sullo scandalo delle protesi al silicone Pip, Corriere della Sera

FIND PULCINELLA. Chi riconosce Gianduja di Torino o il Marchese di Genova? Per capire chi sia Meneghino di Milano o Stenterello di Firenze in troppi cercano la soluzione sul computer.
Armando Torno sulla scomparsa delle maschere di Carnevale, Corriere della Sera

FORZA PANINO. Al governo chiederei più rispetto verso i cittadini. Mio fratello fa il muratore e i panini che il suo capo compra costano più di un pranzo nei ristoranti del Parlamento. La gente si sente male più per quello che non per le tasse.
Emma, vincitrice di Sanremo, intervistata da Andrea Laffranchi, Corriere della Sera

LA MACCHINA DEL FALLO. L’atteggiamento societario del Milan sul tema “polemiche” è cambiato decisamente. Facendo capire che il livello di sopportazione è arrivato al limite. Non solo, alla prima polemica, alla prima parola dai toni alti, scatterà «la rappresaglia».
Monica Colombo, Corriere della Sera

 

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Estrema tanto nell’aspetto quanto nella meccanica, la concept coreana anticipa la prima sportiva affidata al reparto Hyundai N. Adotta un 2.0 turbo benzina da 380 cv abbinato a un cambio a doppia frizione e alla trazione integrale.

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana