Google+

Il segreto della moneta da una corona

agosto 25, 2015 Angelo Bonaguro

CoronaCsChe il regime comunista cecoslovacco avesse delle smagliature si sapeva: a volte erano capitati casi clamorosi come gli auguri a Václav Havel pubblicati sul «Rudé právo» con tanto di foto dell’allora dissidente («smagliatura» provocata da quei burloni dei suoi amici…). Ma l’episodio avvenuto negli anni ’50 e riportato alla luce recentemente dalla tv ceca è degno di un racconto di Čapek: potremmo intitolarlo Il segreto della moneta da una corona.

I personaggi principali sono tre: la giovane Bedřiška Synková, sua madre, e la scultrice Marie Uchitylová. Il primo capitolo ci porta nel 1953, sul finire dell’epoca staliniana. Un giorno la polizia bussa alla porta dei Synek e arresta Bedřiška, allora diciannovenne. La giovane è uno dei capi di un gruppo scout, movimento da poco vietato dal regime. Il loro gruppetto era riuscito ancora a organizzare dei campi estivi e a diffondere una specie di bollettino «nell’attesa – ricorda oggi Bedřiška ottantenne – che il comunismo cadesse. Non facevamo del male a nessuno, ma non capivamo perché dovessimo rispettare il divieto impostoci dallo stato». Bedřiška si immagina che dopo l’interrogatorio l’avrebbero ricondotta a casa, e invece sarà accusata di alto tradimento e condannata a 10 anni di carcere.

Bedřiška Synková

Bedřiška Synková ventenne

Secondo capitolo. Nello stesso anno il governo vara una sciagurata riforma monetaria che porta molti soldi nelle casse statali ma provoca tensioni e forte malcontento nella popolazione. Qualche anno dopo, sull’onda del «disgelo» sovietico, anche il comunismo cecoslovacco vuol rifarsi una verginità, e allenta la morsa. In ambito economico, si decide di indire un concorso pubblico per il restyling della moneta da 1 corona. Fra gli artisti che tentano la sorte c’è Marie Uchitylová, una scultrice che insegna educazione artistica nella scuola dove lavora come segretaria la madre di Bedřiška. La Uchitylová sarebbe poi diventata famosa per aver realizzato l’impressionante gruppo scultoreo dedicato ai bimbi uccisi dai nazisti a Lidice. Le due donne si conoscono, la signora Synková le parla spesso della figlia che intanto langue in carcere. «Marie era così arrabbiata per quanto ci era accaduto… Un giorno disse a mia madre, soppesando le parole: “Portami una sua foto, la userò per il bozzetto della moneta. Ma nessuno lo deve sapere”».

Marie Uchitylová

Marie Uchitylová

Le consegna la foto, e Marie ritrae Bedřiška di profilo (volutamente rivolta verso Occidente e non verso l’URSS!), china nel gesto di piantare un tiglio, l’albero tradizionale ceco. Il bozzetto finisce tra le centinaia di altre proposte presentate alla commissione, che sceglie quella con la stilizzazione di un operaio metalmeccanico. L’ultima parola però ce l’ha il ministro delle finanze, che preferisce il disegno di Marie. Se l’avessero scoperta, sarebbe finita anche lei in galera e avrebbero buttato la chiave.
È fatta: parte la campagna mediatica che presenta al popolo lavoratore la nuova moneta, una specie di simbolo come il primo dollaro di Zio Paperone. Il ritratto di una sconosciuta scout ventenne, incarcerata sulla base di accuse assurde, inizia a circolare nelle tasche di milioni di «liberi» cittadini cecoslovacchi e sarà anche nel logo della Cassa di risparmio statale.

Nel terzo capitolo tocchiamo un meraviglioso apice surreale. Ancora sull’onda del «disgelo», la madre di Bedřiška si rivolge direttamente al Comitato centrale del Partito a Praga, presentando la richiesta per il rilascio della figlia (senza accennare alla storia della moneta). Il primo funzionario anonimo a cui si rivolge non vuole avere guai, è un periodo strano in cui tutti temono di essere silurati. «Bene – esclama la madre con un tono che suona come una minaccia, – allora mi rivolgerò al suo collega del piano di sopra». La richiesta vola di piano in piano e atterra sulla scrivania del presidente della repubblica che la firma senza farci caso: siamo pur sempre tra compagni, al Comitato centrale!
«Ciò che ci ha aiutato – racconta Bedřiška – è che i funzionari non si fidavano gli uni degli altri, era un periodo in cui avevano paura di fare un passo falso e non sapevano se chi aveva presentato la richiesta fosse qualcuno di importante». Così Bedriska viene rilasciata dopo 5 anni di carcere. Nel ’67, con l’arrivo della Primavera, eccola di nuovo a capo di un gruppetto di scout; poi si sposa ma dopo l’invasione sovietica si trasferisce con la famiglia in Svizzera, dove è una dei responsabili dell’Associazione mondiale degli ex-detenuti politici e pubblica un bollettino sul tema.

Intanto la moneta da 1 corona con il suo ritratto resta in circolazione per 36 anni fino alla divisione della Cecoslovacchia nel 1993. La scultrice invece non vedrà mai la libertà perché muore alla vigilia della rivoluzione dell’89.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. giesse scrive:

    ma che bella storia, bravo a scovarla

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana