Google+

Sedati e allucinati come James Holmes, l’assassino di Denver

luglio 24, 2012 Franco Molon

Da oggi in poi mi terrò sempre sul comodino una foto di James Holmes, l’assassino di Denver che si credeva Joker.

Quello sguardo a metà tra il sedato e l’allucinato è uno sconcertante simbolo del nostro tempo che, incapace di guardare e affrontare la realtà per come si presenta, cerca di sopportare la domanda che brucia in ogni uomo con i Vicodin più disparati.

I tecnici sedano la politica con le tasse più allucinanti del mondo; i giornali sedano la verità con allucinanti ricostruzioni di complotti; i magistrati sedano la giustizia con l’allucinante arbitrio delle manette.

Sedazione e allucinazione sembrano essere l’unica pasta di questa epoca. Il mio stesso cuore, che per natura cerca un rapporto con l’infinito, è continuamente sedato e allucinato da false preoccupazioni, insignificanti desideri, distorti obiettivi.

L’unica cosa che non si riesce a sedare è lo spread e questo porterà ad un futuro allucinante per i nostri figli.

Da oggi in poi mi terrò sempre sul comodino una foto di James Holmes, l’assassino di Denver che si credeva Joker, e tutte le sere domanderò al Signore di tenermi attaccato alla realtà della sua presenza anche senza essere Superman.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Da prototipo da 20.000 sterline a prodotto di serie, il passo sarà breve? No, ma la strada è segnata e le potenzialità della nuova tecnologia 3D ancora poco esplorate

Se noi siamo un popolo di navigatori, gli americani sono sicuramente un popolo di viaggiatori in aereo e, come tali, si ingegnano di conseguenza…

La vettura di serie più simile a una Formula 1 mai realizzata dalla Casa di Maranello. Erede di F40, era mossa da un V12 4.7 da 520 cv e adottava una struttura monoscocca in carbonio. Nata nel 1997, oggi vale oltre 1 milione di euro

È una monovolume, è a trazione anteriore, ma è anche... una BMW! Si differenzia dalle rivali per il carattere sportiveggiante e la cura delle finiture. Per nulla sottodimensionato il 3 cilindri 1.5 turbo benzina da 136 cv. Prezzi da 26.950 euro

Speciale Nuovo San Gerardo