Google+

Se la ragazza accarezza il cane e snobba il bambino, forse qualcosa non va

novembre 25, 2014 Aldo Cazzullo

Roma, Stazione Termini. Una mamma spinge un passeggino con un bellissimo neonato e tiene un cane al guinzaglio. Una ragazza si intenerisce, sorride, si avvicina. Ignora il bimbo e comincia ad accarezzare il cane. C’è qualcosa di male? Certo che no. L’amore per gli animali è un sentimento nobile, che spesso sopperisce a un amore che non c’è più 0 che non c’è mai stato. Ma quando l’animale sostituisce l’essere umano, forse c’è qualcosa che non va, che non fa bene né all’animale, né a noi.

È un argomento da maneggiare con cura. In Italia puoi maledire chiunque, e ricevi mail di incoraggiamento; ma se scrivi qualcosa che gli animalisti percepiscono come una velata critica, vieni sepolto dagli insulti. A Roma sono morti 39 pedoni in un anno, ma la notizia non finisce in prima pagina; a differenza del cavallo caduto davanti a Palazzo Chigi, per fortuna soccorso dai passanti.

Anch’io amo gli animali. Ma quando leggo del gelato peri cani, della beauty-farm per i cani, dei negozi dove comprare il regalo di compleanno al cane, dell’asilo dove «il tuo cane potrà giocare con altri cani», e dove i cani si chiamano Clara e Carlo; allora mi ricordo che siamo il Paese al mondo che fa meno figli: certo non per colpa dei cani, per la crisi economica, per la sfiducia in noi stessi, per la paura del futuro. Si offende qualcuno se ipotizzo che ci sia qualcosa che non va?

Aldo Cazzullo per Io Donna, 15 novembre

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana