Google+

Ma Daqin diventa vescovo di Shanghai, ma il Partito comunista cinese lo tiene ancora agli arresti

aprile 29, 2013 Leone Grotti

Sabato è morto a 96 anni monsignor Jin Luxian, vescovo “ufficiale” di Shanghai. Ordinato vescovo “patriottico” nel 1985 senza l’approvazione del Vaticano, nel 2005 si è riconciliato con il Papa. «Pur non mettendosi mai in opposizione al governo», monsignor Jin ha fatto crescere la diocesi di Shanghai dotandola di nuove chiese, pubblicazione cattoliche e centri di spiritualità. I suoi funerali si sono tenuti stamattina nella cattedrale di sant’Ignazio alla presenza di oltre 1000 fedeli e più di 60 sacerdoti, scrive AsiaNews.

SUCCESSORE È MA DAQIN. La sua morte apre il nodo della successione, che rappresenterà il primo capitolo del rapporto tra governo cinese e Vaticano da quando è stato eletto il nuovo segretario comunista Xi Jinping e il nuovo papa Francesco. Il successore di Jin Luxian dovrebbe essere Taddeo Ma Daqin, consacrato vescovo ausiliare di Shanghai lo scorso 7 luglio, ma dopo che il vescovo ha annunciato con grande coraggio davanti a tutti i fedeli che avrebbe abbandonato lAssociazione Patriottica, è stato prima rinchiuso nel monastero di Sheshan «per riposare», poi privato della possibilità di uscire in pubblico e dire Messa per due anni e infine il titolo di vescovo gli è stato revocato. Per il Vaticano, però, monsignor Ma continua a essere il legittimo successore a vescovo di Shanghai di Jin Luxian.

VESCOVI ILLEGITTIMI. Il regime comunista cinese ha sempre cercato di elevarsi a capo della Chiesa cattolica in Cina, per questo si intromette spesso nella nomina dei vescovi. Alcuni esempi recenti: il 20 novembre ha ordinato vescovo di Chengde (Hebei) Guo Jincai, senza l’approvazione del Papa; il 7-9 dicembre 2010 ha convocato  l’VIII Assemblea dei Rappresentanti Cattolici a Pechino, non riconosciuta dal Vaticano, con il sostegno massiccio di forze di polizia; il 29 giugno 2011 è stato ordinato senza l’approvazione del Papa il vescovo di Leshan (Sichuan) e il 14 luglio quello di Shantou (Guangdong); molti vescovi legittimi sono stati obbligati a eseguire ordinazioni illecite, che li espongono alla scomunica, comminata dalla Chiesa anche a tutti i vescovi illegittimi a norma del canone 1382 del Codice di Diritto Canonico.

PECHINO NON RICONOSCE MA DAQIN. Non è ancora chiaro che cosa voglia fare il Partito comunista ma secondo fonti ecclesiastiche di Hong Kong starebbe già cercando il successore, ponendosi così in aperto scontro con il Vaticano. Nel frattempo mons. Ma, detenuto agli arresti domiciliari nel seminario di Sheshan, periferia di Shanghai, è stato spostato in un luogo sconosciuto. Secondo AsiaNews potrebbe trovarsi a Pechino, «costretto a partecipare a dei “corsi di studio”».

VATICANO PARLA CHIARO. Nei prossimi giorni, si saprà cosa intende fare il governo comunista e la decisione dirà molto sul rapporto che il neo-segretario Xi Jinping vuole instaurare con la Chiesa cattolica. Monsignor Savio Hon, segretario della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, ha però dichiarato da subito che Ma Daqin è il legittimo «vescovo ausiliare di Shanghai. In seguito la cosiddetta “Conferenza dei vescovi cinesi” ha cancellato questo suo titolo, ma la Santa Sede ha precisato che nessuna conferenza episcopale, in nessuna parte al mondo, ha questo potere di cancellare il mandato pontificio. Tanto più in questo caso, in cui la “conferenza” non è riconosciuta [dal Vaticano]. Per questo rimane fermo per noi che mons. Ma Daqin è il vescovo di Shanghai».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana