Google+

Se la Boccassini ha paura della «cattiveria dei colleghi», figurarsi noi

marzo 23, 2015 Redazione

++ 'Ndrangheta: vittime usura due dirigenti sportivi ++«Ilda Boccassini, parlando della nuova legge sulla responsabilità civile dei giudici, dice di “temere la cattiveria” dei suoi colleghi. Se la teme lei, figurarsi noi». Così Pierluigi Battista commenta nella sua rubrica “Particelle elementari” sul Corriere della Sera le parole pronunciate sabato dal pm della Dda di Milano davanti agli studenti di un liceo scientifico a Bergamo.

FINALMENTE. Se davvero la Boccassini ha valide ragioni per temere che la giustizia di un eventuale procedimento nei suoi confronti possa essere compromessa dalla «cattiveria» dei colleghi, allora secondo Battista dovrebbe pensare «alla cattiveria con cui qualche suo collega, sicuro dell’impunità accordata a chi non è costretto a pagare per il suo “dolo” e per la sua “colpa grave”, ha messo in galera gente innocente senza validi motivi, o ha perseguitato qualche cittadino non per un banale errore giudiziario ma per un accanimento sadico». Non a caso la penna del Corriere usa i termini “dolo” e “colpa grave”, perché nella riforma del governo proprio questi sono i criteri della punibilità delle azioni delle toghe. Grazie a questa riforma, continua Battista, «finalmente un magistrato incapace, o che ha volontariamente commesso degli abusi, potrà pagare per la sua pessima condotta».

DELEGITTIMAZIONE? Chi critica la legge, ricorda il giornalista, sostiene che essa «sarebbe un bavaglio per i magistrati coraggiosi», ma paradossalmente «le parole della Boccassini rimettono la questione nei suoi giusti binari», perché ribadiscono che «saranno dei giudici a valutare il comportamento eventualmente doloso di colleghi». Non solo. «La Boccassini dice qualcosa di più: che i giudici non sempre valutano le cose con spirito disincantato, senza cedere alle meschinità degli esseri umani, applicando esclusivamente la legge», anzi spesso e volentieri si lasciano guidare dalle antipatie umane e politiche, proprio come tutti. «L’avesse detto qualcun altro si sarebbe gridato alla “delegittimazione” dei giudici».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Benvenuta nel club…

  2. Jens scrive:

    Cara Ilda, adesso non ci sono più Tonino e De Magistris a pararti il deretano… quando M5S era al top della forma hai perso l’occasione di accasarti con loro e sei rimasta legata all’IdV. Risultato: morto IdV, M5S morente, morta tu…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana