Google+

Sarà bello tornare fuori e camminare di nuovo. Sarò contenta e grata anche dell’aria

febbraio 23, 2015 Marina Corradi

carrozzella-shutterstock_20069584Venti giorni immobile, dopo un intervento a una caviglia. Non ero mai stata in carrozzella. All’inizio, come una tigre in gabbia. Poi faticosamente mi adatto, a farmi largo in corridoio fra lo stendibiancheria e l’armadio.

Le giornate, che quando sto bene mi sembrano rapidissime, si dilatano in un tempo indefinito e molle. Dal mattino, quando il marito e i figli escono, a quando a sera ritornano, le ore passano silenziose e lente. Mi arrocco davanti al pc, credendo che per quello schermo passi la vita. Ma dopo ore ne vengo via, stanca e immalinconita. Non è vita quella, ne è solo una apparenza.

Posso leggere, certo. Ma ciò che mi manca davvero è l’aria fredda sulla faccia, alle sette del mattino; e la passeggiata col cane, e il caffè al bar dei cinesi. E il mercato rionale, di quello ho proprio nostalgia, con i banchi della frutta, e quelli dei fiori, con i ciclamini rosa. Mi manca la redazione con il suo odore di vecchi giornali, e perfino il guidare nel traffico di Milano. Mi manca il camminare. Mi pare che sarebbe fantastico semplicemente uscire, e respirare quest’aria che sa di pioggia.

Allora mi affaccio al balcone, e sto a guardare. I passanti paiono non rendersi conto della bellezza di poter andare dove vogliono, sotto ai loro ombrelli colorati; di salire liberamente sui grossi autobus gialli che vanno verso il centro, sollevando l’acqua dalle pozzanghere.

Mi piazzo su un divano. Il cane mi si accuccia accanto, i gatti si alternano al mio capezzale, consolandomi con sonore fusa. Li accarezzo: nell’immobilità, ho uno zoo che amorevolmente mi cura.

Di nuovo in carrozzella, irrequieta. Da questa inconsueta prospettiva, adagio, percorro le stanze. Ne noto l’inarrestabile casino, che però mi sembra così vivo. Vado in cucina, il cuore largo e caldo della casa, con l’orologio le cui lancette avanzano piano, e il grande crocefisso sopra al muro che porta, ancora, le tacche della crescita dei figli bambini. Mi pare di essere un’altra, che osserva una casa non sua. Provo, per la mia vita normale, nostalgia.

Sarà bello, mi dico, tornare fuori, benché con le stampelle. Sarà bellissimo poi, guarita, camminare di nuovo, e scendere per corso Sempione fino al parco. Saranno i primi di marzo, allora, e gli alberi avranno le gemme; e ci sarà nell’aria una tensione fra il freddo e un’aria nuova, impercettibilmente odorosa. Il cane mi tirerà, felice dell’erba e del fango, e io mi lascerò trascinare, contenta. Giuro: sarò contenta e grata, semplicemente della pioggia, dell’aria.

Ma so che mi dimenticherò velocemente della mia breve prigione, e tornerò normale. E nervosa, e impaziente, e mi arrabbierò per un niente, e maledirò la fretta, e l’affanno delle cose da fare.

Passiamo la vita scontenti. Ma quanto mi pare bello dalla finestra, stamane, semplicemente il camminare della gente, sotto agli ombrelli che si rivoltano nel vento, con i bambini per mano, e la borsa della Esselunga gonfia, piena di cose da mangiare.

Foto carrozzella da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

Dal 2019 la Dorna organizzerà la Moto-e World Cup, primo Campionato mondiale con mezzi ad alimentazione elettrica. Le moto saranno le italianissime Energica

L'articolo Moto-e World Cup il mondiale è elettrico proviene da RED Live.

3.500 km dalla Finlandia all’Italia accompagnati da una costante tormenta di neve insegnano qualche trucco su come affrontare il bianco manto invernale. La tecnologia moderna applicata alle auto aumenta la sicurezza ma la differenza la fa sempre chi guida.

L'articolo Guida sulla neve – Consigli per guidare in sicurezza proviene da RED Live.

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download