Google+

Sapessi com’è strano essere juventino e romano

maggio 13, 2012 Carletto Marchese

Mi costituisco: sono juventino. Di quelli che pensano che gli scudetti siano 30 e che Luciano Moggi meriterebbe un busto in bronzo in corso Galileo Ferraris. Esserlo a Roma è come avere una malattia mortale e contagiosa. Significa passare il tempo a discutere “der go’ de Turone” o sentire frasi tipo “Ao’ ce stava più ggente a Fiumicino quanno è arivato Cicinho che a Torino a festeggià lo scudetto”. Uno pensa di essere una mosca bianca. Poi scopre Mario Adinolfi, juventino e romano di Testaccio, quartiere per eccellenza del tifo giallorosso. Vabbé, si dice, ma Adinolfi è un provocatore. E torna a vivere la sua solitudine.

Poi si alza una mattina di maggio, presto. Obiettivo: comprare due biglietti per la finale di Coppa Italia, Juve-Napoli. Chi vuoi che ci sia. Ma davanti all’agenzia la sorpresa. Magliette e sciarpe bianconere. C’è anche un lettore di Tuttosport, che nella città in cui chiedi il Corriere e devi specificare “della Sera”, fa quasi commuovere. L’amico romanista ha la spiegazione pronta: “So’ tutti calabresi’. Perché chi ha avuto la fortuna di nascere nella Capitale non può neanche prendere in considerazione una squadra di calcio che non sia “gialla come il sole” e “rosso come er core mio”. Al massimo può virare verso la “stella” che brilla nel cielo biancoazzurro. Ma l’accusa è pronta: burino.

Poi, dopo qualche minuto, quando i dialetti dei presenti sembrano lasciare poco spazio alla speranza, la rivelazione. Un uomo sulla cinquantina, accento romano, guarda tutti negli occhi e consegna ai presenti ala sua perla di verità: “State attenti a dove passate pe’ annà allo stadio. M’hanno detto che li romanisti se stanno a organizza pe’ mennacce, a noi e a li napoletani”.

Eccolo qua, “er complotto”. Perché a Roma, la città dei palazzi della politica, niente è mai come sembra. C’è sempre una verità più vera di altre. Una cosa sentita, riferita, n’amico de n’amico che ne sa più degli altri. Prima di essere giallorosso o bianconero, il romano è romano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.