Google+

Sapessi com’è strano essere juventino e romano

maggio 13, 2012 Carletto Marchese

Mi costituisco: sono juventino. Di quelli che pensano che gli scudetti siano 30 e che Luciano Moggi meriterebbe un busto in bronzo in corso Galileo Ferraris. Esserlo a Roma è come avere una malattia mortale e contagiosa. Significa passare il tempo a discutere “der go’ de Turone” o sentire frasi tipo “Ao’ ce stava più ggente a Fiumicino quanno è arivato Cicinho che a Torino a festeggià lo scudetto”. Uno pensa di essere una mosca bianca. Poi scopre Mario Adinolfi, juventino e romano di Testaccio, quartiere per eccellenza del tifo giallorosso. Vabbé, si dice, ma Adinolfi è un provocatore. E torna a vivere la sua solitudine.

Poi si alza una mattina di maggio, presto. Obiettivo: comprare due biglietti per la finale di Coppa Italia, Juve-Napoli. Chi vuoi che ci sia. Ma davanti all’agenzia la sorpresa. Magliette e sciarpe bianconere. C’è anche un lettore di Tuttosport, che nella città in cui chiedi il Corriere e devi specificare “della Sera”, fa quasi commuovere. L’amico romanista ha la spiegazione pronta: “So’ tutti calabresi’. Perché chi ha avuto la fortuna di nascere nella Capitale non può neanche prendere in considerazione una squadra di calcio che non sia “gialla come il sole” e “rosso come er core mio”. Al massimo può virare verso la “stella” che brilla nel cielo biancoazzurro. Ma l’accusa è pronta: burino.

Poi, dopo qualche minuto, quando i dialetti dei presenti sembrano lasciare poco spazio alla speranza, la rivelazione. Un uomo sulla cinquantina, accento romano, guarda tutti negli occhi e consegna ai presenti ala sua perla di verità: “State attenti a dove passate pe’ annà allo stadio. M’hanno detto che li romanisti se stanno a organizza pe’ mennacce, a noi e a li napoletani”.

Eccolo qua, “er complotto”. Perché a Roma, la città dei palazzi della politica, niente è mai come sembra. C’è sempre una verità più vera di altre. Una cosa sentita, riferita, n’amico de n’amico che ne sa più degli altri. Prima di essere giallorosso o bianconero, il romano è romano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download