Google+

Salsicce in umido coi fagioli e altri piatti di rara bontà virile

marzo 9, 2014 Tommaso Farina

locanda-dino-ristoranteCrisi della ristorazione. Locali che chiudono. Ristoratori che vendono baracca e burattini. Osti che comprano locali (sempre meno). Questo è il panorama di oggi, che lo si voglia o no. Regge chi stringe i denti. E Paolo Raveggi lo sa. La prima cosa che dice ai clienti della sua Locanda Dino, a Scandicci (Firenze), è che qui la sua famiglia serve da mangiare fin dal 1897. E pensare che i Raveggi arrivarono qui nel 1849 addirittura da Milano. Il primo ad aprire un’osteria con stallaggio fu Giuseppe, a cui successe il famoso Dino, Cavaliere di Vittorio Veneto.
Dopo di lui, il “su’ figliolo” Giampiero, e oggi Paolo. Un secolo portato di slancio, complimenti. Attenzione alla strada: quella di fronte al ristorante, al momento della nostra visita, era in fase di sbancamento e rifacimento. Il posto comunque è sempre lì. Poche attrattive estetiche: sala rustica e datata, semplice, con tavoli adeguatamente distanziati.

Il menù che vi portano è indicativo, vi verrà spiegato di volta in volta cosa c’è disponibile: «Menù lungo, freschezza corta», dice Paolo. Si comincia con qualche antipasto: sugli scudi, abbiamo naturalmente i salumi toscani, in cui primeggia la finocchiona. E sarebbe già abbastanza. Di primo, zuppe varie, la ribollita o la pappa col pomodoro. Semplici e grintose le pappardelle “sul cinghiale”, che non si vergognano di ostentare un condimento oleoso e virile di cui sembra essersi perso lo stampo.

locanda-dino-ristorante1Piatti forti? La carne, manco a dirlo: cotta sulla griglia in molteplici incarnazioni, oppure sugosa nelle sembianze di stracotto, oppure fritta (solo per due persone). O anche reperti archeologici di rara bontà, come le salsicce toscane in umido coi fagioli all’uccelletto, da libro dei ricordi per quanto sono buone.
Di dolce, se avete fortuna potrebbe capitarvi l’autentico zuccotto alla fiorentina. Di vini, una serie di etichette toscane di comprovata bontà. Buonissimo pure il conto di 30-35 euro, qualcosa di più con bistecche impegnative. Simpaticissima la “presenza” di chi vi servirà.

Per informazioni
Locanda Dino
www.trattorialocandadino.com
Fraz. San Colombano – Via San Colombano, 78-82
Scandicci (Firenze) – Tel. 055790005
Chiuso domenica sera

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana