Google+

Robert Mapplethorpe. Verso una contemporanea classica perfezione

dicembre 12, 2011 Mariapia Bruno

«Se fossi nato cento o duecento anni fa, avrei potuto fare lo scultore, ma la fotografia è un mezzo molto veloce per vedere e per fare scultura» diceva Robert Mapplethorpe, oggi protagonista della prima retrospettiva milanese in suo onore, che si terrà fino al 9 aprile 2012 alla Fondazione Forma per la fotografia. È uno dei più importanti autori del Novecento e con i suoi scatti dalla composizione perfetta, ha toccato generazioni di fotografi e artisti. Classico e attuale al tempo stesso, Mapplethorpe ha solcato le strade della città che non dorme mai raccontandoci le sembianze dei suoi individui dagli anni Sessanta agli Ottanta, epoca del trionfo della rivoluzione pop, del new dada, di Andy Warhol, della performance e body art.


La mostra, organizzata in collaborazione con la Robert Mapplethorpe Foundation, espone 178 fotografie dove corpi rigorosi, composti e curati si affacciano ai nostri sguardi come fiori impeccabili, ritratti in ambienti quasi asettici, bloccati in pose studiate, quasi come  perfette sculture rinascimentali. È la ricerca della perfezione a guidare l’artista, di un ideale guardato da sempre o con un senso di timore o con la consapevolezza di una sfida persa in partenza, da chi si cimenta con le discipline creative. «Spesso l’arte contemporanea mi mette in crisi perché la trovo imperfetta» diceva Mapplethorpe. «Per essere perfetta non è che debba essere giusta dal punto di vista anatomico. Un ritratto di Picasso è perfetto. Non c’è niente di contestabile. Nelle mie fotografie migliori non c’è niente di contestabile – così è. È quello che cerco di ottenere». E cosa c’era di meglio se non la fotografia, l’immediatezza di uno scatto e le brevi sessioni di posa, per raggiungere quella contemporanea classica perfezione tanto propagandata?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi