Google+

Robert Mapplethorpe. Verso una contemporanea classica perfezione

dicembre 12, 2011 Mariapia Bruno

«Se fossi nato cento o duecento anni fa, avrei potuto fare lo scultore, ma la fotografia è un mezzo molto veloce per vedere e per fare scultura» diceva Robert Mapplethorpe, oggi protagonista della prima retrospettiva milanese in suo onore, che si terrà fino al 9 aprile 2012 alla Fondazione Forma per la fotografia. È uno dei più importanti autori del Novecento e con i suoi scatti dalla composizione perfetta, ha toccato generazioni di fotografi e artisti. Classico e attuale al tempo stesso, Mapplethorpe ha solcato le strade della città che non dorme mai raccontandoci le sembianze dei suoi individui dagli anni Sessanta agli Ottanta, epoca del trionfo della rivoluzione pop, del new dada, di Andy Warhol, della performance e body art.


La mostra, organizzata in collaborazione con la Robert Mapplethorpe Foundation, espone 178 fotografie dove corpi rigorosi, composti e curati si affacciano ai nostri sguardi come fiori impeccabili, ritratti in ambienti quasi asettici, bloccati in pose studiate, quasi come  perfette sculture rinascimentali. È la ricerca della perfezione a guidare l’artista, di un ideale guardato da sempre o con un senso di timore o con la consapevolezza di una sfida persa in partenza, da chi si cimenta con le discipline creative. «Spesso l’arte contemporanea mi mette in crisi perché la trovo imperfetta» diceva Mapplethorpe. «Per essere perfetta non è che debba essere giusta dal punto di vista anatomico. Un ritratto di Picasso è perfetto. Non c’è niente di contestabile. Nelle mie fotografie migliori non c’è niente di contestabile – così è. È quello che cerco di ottenere». E cosa c’era di meglio se non la fotografia, l’immediatezza di uno scatto e le brevi sessioni di posa, per raggiungere quella contemporanea classica perfezione tanto propagandata?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana