Google+

La rivoluzione sessuale ha reso i giovani infelici

luglio 12, 2013

Non è tutto oro quel che riluce. E la vulgata corrente vorrebbe che maggior disinibizione sessuale significa maggior felicità, no? Invece è tutto il contrario: quelli che hanno più rapporti sporadici hanno minor senso di soddisfazione e maggior rischio di stress psicologico. Lo mostra uno studio appena uscito sulla rivista Journal of Sex Research (giugno 2013) che ha analizzato 4000 studenti universitari sull’impatto psicologico dei rapporti sessuali sporadici.A questo punto i fan della rivoluzione sessuale diranno “tutte balle” (ma è difficile negare i dati di una ricerca ben fatta); e certi moralisti diranno “ben gli sta!” (quando invece dovrebbero essere ancor più preoccupati per l’aumento della tristezza e della mancanza di proposte creative, colpa di tutti). Entrambi sbagliano: il problema è la morte delle proposte educative, non le conseguenze visibili per le strade.

In un secondo studio pubblicato ad aprile sulla stessa rivista de i ricercatori hanno analizzato come le aspettative dei ragazzi sul sesso vengano influenzate da quattro agenti (padre, madre, TV, amici). E il risultato è che padre o madre fa lo stesso: non contano niente; invece sia TV che amici tendono ad ingigantire le immaginazioni di futuro piacere da sesso precoce, e censurare i rischi sociali. TV e amici hanno un impatto maggiore dei genitori (e questo già lo sapevamo), ma quello che interessa qui è che entrambi questi due agenti tirano nella stessa direzione di disimpegno sociale e – risorsa unica per non morire di noia -“sessuocentrica”.

Già, i giovani vanno a cercare qualcosa che li soddisfi, e grande colpa ha la società che gli rende sempre meno desiderabile e fattibile ogni futuro di costruzione sociale familiare, amicale. A ben leggerla, la rivoluzione degli ultimi 50 anni non è “più sesso facile”, ma “più famiglia difficile”, cioè più disimpegno e fuga dalla vita.

E i giovani scappano via, soffocati tra una educazione sessuale ridotta a insegnare solo tecniche per non far figli e un moralismo incantato a ripetere quello che non si deve fare. Come se l’adolescenza fosse solo godimento e tanto più godimento e tanto meno impegni, tanta più felicità. Per gli “educatori sessuali” questo è un bene, per i moralisti questo è un male.  Il punto è che non è vero.

L’adolescenza… altro che spensieratezza: ci si scopre fragili e soli, tanti col senso di essere traditi dagli amici e incapaci di corrispondere alle pretese di chi li giudica. Si scopre una trasformazione ignota del proprio corpo che si trasforma, muta e imbarazza tanti e tante. E di fronte a questa difficoltà condita anche dalla paura e dall’angoscia del mistero del sesso tutto quello che gli danno è la via obbligata di far sesso o sentirsi dei cretini, e di evitare assolutamente di pensare agli altri… per non sentirsi dei cretini…

Rendete ai giovani la speranza possibile! Rendetegli la possibilità di conoscere, costruire e di pensare ad un futuro solido. Fategli vedere che è possibile vivere anche se non si indossa solo quello che ci dice la pubblicità, anche se non ci si comporta come fanno vedere i film che passa la TV.

tratto da l’occidentale

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Remo scrive:

    Imparate a leggere: sporadico vuol dire che accade poco e distanziato nel tempo. Quindi quei giovani che fanno sesso sporadico, son tristi perchè fanno poco sesso, e non perchè la rivoluzione sessuale gli permetti di farlo freneticamente.

    • giuliano scrive:

      la rivoluzione sessuale a “liberato” tutti quindi anche i preti che fanno i pedofili, perché accusarli dunque ??

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana