Google+

La rivoluzione sessuale ha reso i giovani infelici

luglio 12, 2013

Non è tutto oro quel che riluce. E la vulgata corrente vorrebbe che maggior disinibizione sessuale significa maggior felicità, no? Invece è tutto il contrario: quelli che hanno più rapporti sporadici hanno minor senso di soddisfazione e maggior rischio di stress psicologico. Lo mostra uno studio appena uscito sulla rivista Journal of Sex Research (giugno 2013) che ha analizzato 4000 studenti universitari sull’impatto psicologico dei rapporti sessuali sporadici.A questo punto i fan della rivoluzione sessuale diranno “tutte balle” (ma è difficile negare i dati di una ricerca ben fatta); e certi moralisti diranno “ben gli sta!” (quando invece dovrebbero essere ancor più preoccupati per l’aumento della tristezza e della mancanza di proposte creative, colpa di tutti). Entrambi sbagliano: il problema è la morte delle proposte educative, non le conseguenze visibili per le strade.

In un secondo studio pubblicato ad aprile sulla stessa rivista de i ricercatori hanno analizzato come le aspettative dei ragazzi sul sesso vengano influenzate da quattro agenti (padre, madre, TV, amici). E il risultato è che padre o madre fa lo stesso: non contano niente; invece sia TV che amici tendono ad ingigantire le immaginazioni di futuro piacere da sesso precoce, e censurare i rischi sociali. TV e amici hanno un impatto maggiore dei genitori (e questo già lo sapevamo), ma quello che interessa qui è che entrambi questi due agenti tirano nella stessa direzione di disimpegno sociale e – risorsa unica per non morire di noia -“sessuocentrica”.

Già, i giovani vanno a cercare qualcosa che li soddisfi, e grande colpa ha la società che gli rende sempre meno desiderabile e fattibile ogni futuro di costruzione sociale familiare, amicale. A ben leggerla, la rivoluzione degli ultimi 50 anni non è “più sesso facile”, ma “più famiglia difficile”, cioè più disimpegno e fuga dalla vita.

E i giovani scappano via, soffocati tra una educazione sessuale ridotta a insegnare solo tecniche per non far figli e un moralismo incantato a ripetere quello che non si deve fare. Come se l’adolescenza fosse solo godimento e tanto più godimento e tanto meno impegni, tanta più felicità. Per gli “educatori sessuali” questo è un bene, per i moralisti questo è un male.  Il punto è che non è vero.

L’adolescenza… altro che spensieratezza: ci si scopre fragili e soli, tanti col senso di essere traditi dagli amici e incapaci di corrispondere alle pretese di chi li giudica. Si scopre una trasformazione ignota del proprio corpo che si trasforma, muta e imbarazza tanti e tante. E di fronte a questa difficoltà condita anche dalla paura e dall’angoscia del mistero del sesso tutto quello che gli danno è la via obbligata di far sesso o sentirsi dei cretini, e di evitare assolutamente di pensare agli altri… per non sentirsi dei cretini…

Rendete ai giovani la speranza possibile! Rendetegli la possibilità di conoscere, costruire e di pensare ad un futuro solido. Fategli vedere che è possibile vivere anche se non si indossa solo quello che ci dice la pubblicità, anche se non ci si comporta come fanno vedere i film che passa la TV.

tratto da l’occidentale

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Remo scrive:

    Imparate a leggere: sporadico vuol dire che accade poco e distanziato nel tempo. Quindi quei giovani che fanno sesso sporadico, son tristi perchè fanno poco sesso, e non perchè la rivoluzione sessuale gli permetti di farlo freneticamente.

    • giuliano scrive:

      la rivoluzione sessuale a “liberato” tutti quindi anche i preti che fanno i pedofili, perché accusarli dunque ??

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La monovolume coreana, disponibile anche a sette posti, beneficia di un restyling di metà carriera che porta in dote inedite dotazioni multimediali e di sicurezza. Grazie a un nuovo pack tecnico si riducono i consumi del 1.7 td da 115 cv.

Debutta a Parigi l’edizione limitata a 50 esemplari della serie speciale ispirata al marchio nautico italiano. Alla dotazione full optional e alle finiture ricercate si accompagnano motori a benzina 1.2 aspirato da 69 cv o 0.9 TwinAir turbo da 85 o 105 cv.

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

La coupé nipponica, attesa al debutto nel 2018, condividerà con la futura spider BMW Z5 pianale e materiali compositi. Potrebbe adottare un powertrain ibrido o, in alternativa, un V6 biturbo benzina da almeno 400 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana