Google+

Una cucina che è una chicca da gourmet inaffondabili

luglio 13, 2016 Tommaso Farina

matiz-da-otto-paluzza-ud-foto-tommaso-farina-1

Pubblichiamo la rubrica di Tommaso Farina contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Che bello scoprire autentiche gemme culinarie nelle zone più lontane dalle grandi città e dalle vie di comunicazione. La Carnia, la zona montana del nord del Friuli, storicamente è una delle zone più povere del nord Italia. Eppure, anche quando questa povertà ne attanagliava gli abitanti, la consolazione era la cucina: una cucina rustica ma dai sapori particolarissimi. Oggi che la carestia è stata sconfitta, è rimasta la cucina: ed è considerata una chicca da gourmet inaffondabili.

Potreste averne contezza fermandovi in un posto che, tra una traversia e l’altra, esiste fin dal Settecento: il ristorante Da Matiz, a Timau, frazione di Paluzza (Udine) quasi al culmine della valle del But. Dopo non si sa quante generazioni, oggi è il simpatico Diego Matiz a mandare avanti la baracca. In cucina dal 1979 c’è la fedele consorte Antonietta Battigelli, dal 2005 affiancata da Stefano Buttazzoni, chef di esperienza internazionale che ha sposato le sue conoscenze alla sapienza carnica della famiglia Matiz.

Quindi, in questa sala montanara e annosa, potreste cominciare con la pancetta accompagnata da radicchio di montagna, con lo sformatino di erbe di montagna in fonduta di Montasio oppure col cono di frico con bavarese di trota e un inedito “cappuccino” di patate e funghi porcini.

Di primo, imperdibili i cjarsons, ravioli friulani il cui ripieno cambia da paese a paese, ferma restando comunque la presenza di ingredienti dolci; tradizionalissima la crespella di erbe; sapiente e alchemico il risotto ai porcini, aglio orsino e polvere di fragola, creatura di Stefano.

matiz-da-otto-paluzza-ud-foto-tommaso-farina-2Si può andare avanti con i morbidi umidi di guanciale di vitello o di cinghiale, e con un frico da far resuscitare i morti da quanto è buono ed autentico.

Per dessert, la bavarese al fieno. E proprio al momento del congedo, i liquori fatti in casa con le erbe di questi monti.

Del resto, nel corso del pranzo avrete bevuto bene, con vini friulani (e non solo) ben serviti nei bicchieri giusti. Incredibile conto di 30 euro, o poco più.

Per informazioni
Matiz da Otto
Località Timau – Paluzza (Udine)
via Maria Plozner Mentil, 15
Tel. 0433 779002
Chiuso martedì sera

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana