Google+

Altolà vegetariani. Qui si serve una sinfonia di carne

luglio 15, 2013 Tommaso Farina

I piaceri della carne possono essere un peccato, eccome. Eppure al Ristorante Macelleria Motta, di Bellinzago, la gola diventa addirittura una virtù teologale. Sergio Motta, poliedrico macellaio della vicina Inzago, apostolo del vero bue piemontese di oltre cinque anni di età, da qualche anno ha affiancato alla sua attività principale questo ristorante molto bello, dall’arredo moderno. All’entrata, spicca la grande cella di frollatura, mentre d’estate è possibile mangiare sotto un fresco portico ricavato nella vecchia cascina che ospita il locale.

La carta? A tutta carne. Non è un paese per vegetariani. Ecco dunque, anzitutto, un appetizer di piccola tartara piemontese, di cuore marinato e di carpaccio di testina. Poi, per antipasto, potreste chiedere uno strepitoso, leggerissimo tempura di animelle con insalata (le frattaglie qui hanno un capitolo personalizzato). O la tartare di bue piemontese ai tre sapori (naturale, con olio e sale, con crema di acciughe, capperi e tuorlo d’uovo intero), servita con un curioso apparato di vetri piramidali.

Di primo, sorprendenti e leggerissimi cannelloni di polmone di vitello; risotto con pistilli di zafferano e midollo; freschi maltagliati con mirepoix di verdure.

Di secondo, il must della casa è il costato di bue alla brace. Motta l’ha escogitato quando vedeva che in macelleria i clienti cercavano soprattutto lombo e quarti posteriori. Così, ecco questa ricetta che rievoca l’antico “asado” argentino: coste di bue (anche più di cinque anni, dicevamo) cotte lentissimamente per dieci ore o più. Una sinfonia di morbida e saporosa croccantezza. C’è pure la vera bistecca alla fiorentina, ma chi volesse altro può orientarsi su stinco di maiale con salsa ai semi di senape, oppure arrosto di pollo di Bresse farcito e glassato. La cena finisce dolcemente con una bella pesca sciroppata con mousse di amaretto su gelatina di moscato. Avrete bevuto bene, scegliendo bei vini da una carta ricca e stimolante. La spesa per quattro portate è di circa 60-65 euro.

Per informazioni
Ristorante Macelleria Motta
http://www.ristorantemacelleriamotta.it
Via Padana Superiore, 90 – Bellinzago Lombardo (Milano)
Tel. 0295784123
Chiuso la domenica

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

10 Commenti

  1. Daniela scrive:

    per fare 1 kg di manzo occorrono 15.000 lt di acqua

  2. Romeo scrive:

    Questa dell’ acqua é una classica montatura dei dementi ambientalisti-terzomondisti.
    L’acqua non manca di certo in Europa, e se nei paesi del terzo mondo manca non é certo colpa degli europei: l’acqua la prendiamo dai fiumi, e se non la prelevassimo finirebbe in mare.
    Se i paesi del terzo mondo sono in quelle condizioni é solo colpa loro

    • Remo scrive:

      Certo ma il problema è che per il nostro fabbisogno quotidiano usiamo più acqua di quanto non riesca rinnovarsi da solo, per questo le riserve idriche anche da noi stanno calanno

  3. Piero scrive:

    @Francesca Introvaia: perche’, i vegetali di cui ti nutri non sono forse cadaveri?
    Non sai che anche i vegetali sono esseri viventi? Nascono, crescono, si riproducono e muoiono.
    E tutti quegli animaletti carucci, che abitano sulle piante, che vengono uccisi dai pesticidi, per consentirti di non svenarti per comprare un kg di mele? dove li mettiamo?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana