Google+

Risotto, risotto e ancora risotto. E una sontuosa cassoeula

dicembre 14, 2014 Tommaso Farina

risottoPoche cose sono più lombarde, anzi milanesi, del risotto. Per cui, è difficile stupirsi se un ristorante più o meno tipico della zona prova a cucinarli, magari in gran varietà. A Lazzate (Monza e Brianza), il paesino delle Groane a suo tempo “governato” dal simpatico (e compianto) sindaco leghista Cesarino Monti, un posto così c’è. Lo mandano avanti Danilo e Davide Bizzozero: si chiama Osteria del Borgo. Un ingresso a veranda con una rara affettatrice Berkel color avorio, è il biglietto da visita. A pianterreno, una sala simpatica che fa l’occhiolino all’antico; al primo piano, altre salette più semplici. Qui sarete serviti e riveriti da uno staff di rara simpatia. Vi porgeranno il menù, ma conviene dare un’occhiata anche alla grande lavagna che inalbera i piatti del giorno, sempre diversi. La cucina “brianzoleggia” con giudizio.

Si parte con i salumi; con i sottaceti; coi nervetti in insalata (buonissimi); col ganassino di manzo in salsa verde e mostarda; col salame cotto.

Poi, risotto, risotto e ancora risotto. Perfetta la mantecatura di quello al Barolo e midollo, per esempio, indovinato anche nella cottura. Da sottoscrivere anche quello al Bitto e vino Sassella, dal curioso effetto cromatico. In ogni caso, ci sono quelli alla milanese, alla monzese e con vino rosso e salsiccia. Se no, tagliolini al cervo o gnocchi di zucca.

Di secondo, assolutamente memorabile la sontuosa cassoeula (23 euro meritati fino all’ultimo centesimo), servita con la polenta, sgrassata ma perfettamente filologica. Di rigore il resto: polenta uncia (con burro e formaggio) o col Gorgonzola; cervo in umido; lesso di ganassino e biancostato; ossobuco con la polenta. Nei giorni feriali, disponibili anche grandi piatti unici a prezzo ribassato. Di dolce, apprezzabile e “nonnesca” torta di mele. Vini buoni in sé, ma presentati in una carta che non indica le annate disponibili. Si spendono circa 40-45 euro a seconda delle scelte, in un’atmosfera piacevole a metà tra passato e modernità, assistiti da osti che sanno il fatto loro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana