Google+

I rifiuti a Napoli? Colpa dei «napoletani incivili», dice il Comune

agosto 19, 2016 Redazione

de-magistris-ansa

Il Corriere della Sera torna a stroncare il sindaco di Napoli Luigi De Magistris e il suo “ribellismo” di molta facciata e di poca sostanza. Lo fa di nuovo con un articolo dell’ex direttore del Corriere del Mezzogiorno Marco Demarco, che nelle critiche all’ex magistrato “scassatutto” sembra essersi specializzato. Del resto gli spunti non mancano.

DI CHI È LA COLPA? Questa volta, secondo Demarco, stiamo assistendo a un classico: «Di fronte alle difficoltà dell’amministrazione quotidiana, ecco che la sinistra massimalista torna a ripetere l’errore di sempre. Di chi è la colpa se le cose non vanno come dovrebbero? Ma del popolo, naturalmente. Giammai di chi governa». Un automatismo che vale a quanto pare anche per un «sindaco rivoluzionario» come De Magistris che pubblicamente ama apparire come il paladino «dei “Napoletanos”, del suo popolo eletto, ribelle al punto giusto e opportunamente derenzizzato».

QUEI «DELINQUENTI». Ma cosa è successo? Questo: «Ai cronisti di Repubblica, che lo interrogano sull’immondizia nei punti di maggior richiamo turistico, ecco cosa risponde il vicesindaco Raffaele del Giudice: “I rifiuti a Mergellina? Colpa dell’inciviltà dei napoletani che buttano sacchi di spazzatura in strada. Sono delinquenti, il loro è uno schiaffo alla città”. Ovviamente incolpevole la municipalizzata addetta alla raccolta».

AUTOGOVERNO? E dire che De Magistris aveva appena finito di annunciare su Facebook che «a Napoli stiamo costruendo una città/comunità orizzontale, con pratiche di autogoverno» per resistere alla «deriva autoritaria che vuole consolidare modelli oligarchici e verticistici» e ai «poteri neoliberisti che fanno dell’abuso di legge un’arma letale», ricorda Demarco. Certo che se «le pratiche di autogoverno a cui allude De Magistris» sono quelle dei «delinquenti» additati dal suo vice, c’è poco da vantarsi.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    “… Colpa dell’inciviltà dei napoletani …”

    Beh, in effetti, pensando che hanno eletto lui come sindaco, qualche dubbio viene pure a me…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

Creata in collaborazione con le lettrici del magazine, la city car di casa Seat debutta sulla passerella del FashFest di Londra. Arriverà all'inizio 2017 nelle versioni a tre o cinque porte con tre motorizzazioni.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana