Google+

Repubblica fa uno spottone alle magliette di Sisley firmate Milo Manara

maggio 16, 2011 Redazione

IN EFFETTI NON SI VEDE PIÙ IN GIRO. Berlusconi è il mandante per come è stata ridotta la città, che non è più la città di Leonardo da Vinci.
Adriano Celentano, la Repubblica

MA GUARDA UN PO’. Perché è stata creata quest’immagine del tavolo? Cosa è, una metafora? No, in tutte le direzioni aziendali e manifatturiere, amministrative e politiche c’è veramente un tavolo nel salone delle riunioni, tavoli ovali lunghi decine di metri con tutte le sedie attorno.
Giorgio Bocca, la Repubblica

PREMIO CHISSENEFREGA. Dino Buzzati era solito ricordare a Giorgio Bocca che lui e tanti milanesi adottivi si ritrovavano in mezzo alla nebbia mentre nelle loro città d’origine vedevano ogni mattina le montagne imbiancate di neve.
Didascalia della Repubblica

ANCH’IO. Sgarbi: “Rinuncio a Raiuno per 3 milioni”.
Titolo del Fatto quotidiano

SARÀ UN’OPERAZIONE LUNGA.
Bologna, la sinistra rispolvera la carta del buongoverno.
Titolo della Repubblica

CAUTO OTTIMISMO. Nel pianeta connesso e nell’era digitale non c’è più posto per gli abusi. Ai tempi di Facebook e Twitter è scomparsa la divisione fra i fortunati occidentali, nei paesi civilizzati e rispettosi dei diritti umani, e le masse dimenticate nelle terre della prepotenza.
Giampaolo Cadalanu sul rapporto di Amnesty International 2011, la Repubblica

E ORA SI TROMBA. L’Aids non è più una maledizione. La malattia che ha devastato le ultime due generazioni, l’incubo che negli anni Ottanta aveva spezzato il sogno della festa sessuale senza fine, si scrolla finalmente di dosso l’orribile etichetta di condanna ineluttabile.
Angelo Aquaro, la Repubblica

MI RICORDA QUALCOSA.  Quando Clinton giurò in tv a milioni di americani di non avere avuto una relazione sessuale con «quella donna, Miss Lewinsky» (…) non era tecnicamente una bugia, ma neppure la verità, e gli elettori non perdonarono. Anche se gli andrebbe riconosciuta l’attenuante di dover salvare la faccia da un’inchiesta che violava la sua privacy.
Riccardo Chiaberge, il Fatto quotidiano

NO, ANZI, ECCOLE UNA MIA FOTO. Nella prima puntata, che viveva sulla coabitazione dell’autrice con una giovane prostituta romena, gli altri erano casomai i clienti, su cui si sorvola sempre. (…) Ma nell’Italia in cui tutti vogliono apparire, gli unici resistenti sono i pagatori del sesso?
Antonio Dipollina recensisce Le vite degli altri, trasmissione di La7, la Repubblica

PUTTANA E’ BELLO. La protesta, spiegano, è anche un tentativo per riappropriarsi della parola puttana. «Storicamente è sempre stata usata per denigrarci e ferirci», puntano il dito le donne che reclamano il diritto ad essere «belle, provocanti e amanti del sesso».
Alessandra Farkas descrive “le marce delle puttane” contro gli stupri, Corriere della Sera

MISS MAGLIETTA IMPEGNATA. La sensualità trasgressiva di Milo Manara sbarca in piazza San Babila, nello store di Sisley. Il celebre illustratore ha realizzato una collezione di t-shirt, con le sue donne, un inno all’erotismo e alla seduzione, trasferito sulle magliette in cotone bianco per l’estate.
Laura Asnaghi, Elettrochic, la Repubblica Milano

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Shayne Renova scrive:

    I simply want to tell you that I’m new to blogging and absolutely enjoyed this website. Almost certainly I’m going to bookmark your site . You certainly come with fantastic well written articles. Cheers for sharing with us your web page.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana