Google+

Al Ferarùt di Rivignano si innova mantenendo le origini. Chef Tonizzo se la merita tutta una stella Michelin

settembre 21, 2013 Tommaso Farina

Come negli scorsi giorni vi abbiamo magnificato il Friuli nella sua cucina tradizionale, oggi ci congediamo culinariamente da questa regione presentandovi un ristorante di cucina squisitamente creativa. Ma non pensiate a un rinnegamento delle origini: Alberto Tonizzo, frizzante chef del Ferarùt di Rivignano, il ristorante della sua famiglia, non si sogna minimamente di trascurare le materie prime, le erbe e le tradizioni del suo Friùl, anche oggi che ha una meritata stella Michelin.

Sicché, nell’ambiente deliziosamente datato (vi preghiamo, non cambiatelo mai, non rincorrete le mode, signori Tonizzo) può andare in scena un piatto come le cappesante col “caviale friulano” e una zuppetta di lime e di cocco. Sono peraltro un ammicco alla friulanità pure gli gnocchi di barbabietola rossa (morbidissimi, sensuali, profumati di Mitteleuropa) guarniti da brovade (rape conservate, tradizionali) affettate come un tartufo, il tutto con il tocco moderno della salsa al vermuth e farro soffiato.

Mica male eh? Bei sapori complessi, che non disorientano ma restano armonici. L’applauso vi partirà con l’anguilla del fiume Stella (il corso d’acqua che nasce qui vicino, dalle risorgive) tramutata in una sorta di toast, cotto alle braci di faggio e stratificato con fegato d’oca e mele cotte: la rielaborazione del mitico fogolar, il focolare sul quale, in campagna, si cuociono carni e anche pesci, che acquisiscono il profumo della legna odorosa. Un capolavoro: croccante, leggerissima, piena d’umori. Il matrimonio col fegato grasso è perfezione.

Di dolce, potrebbe capitarvi la crostatina soffiata in fresca versione con crema al limone, ribes nero ed erbe fresche profumate. Capirete, vi abbiamo indicato un possibile percorso, ma i piatti sono molti, quasi tutti devoti al pesce dell’alto Adriatico sapientemente elaborato. Il prezzo si attesta sugli 80 euro a testa. C’è pure un super menù degustazione. E una notevolissima carta dei vini. Il tutto, condito da vero amore per il ricevere.

Per informazioni 
Al Ferarùt
www.ristoranteferarut.it
Via Cavour, 34 – Rivignano (Udine)
Tel. 0432775039
Chiuso il mercoledì

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Andrea scrive:

    in questi momenti di crisi nera non posso che ringraziare per averci segnalato un altro ristorante da 80 euro….immortalato in tutte le guide gastronomiche……sarò grato quando mi racconterete di un ristorante da 25/30 euro

    gente che guadagna 800 euro al mese

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana