Google+

Ramanzina di due prof ai “giovani studenti” ennecidi

Già ci sembrò senza senso che si fosse formato un partito di fuoriusciti da Forza Italia con la ragione di sostenere il Governo Letta che poco, pochissimo tempo dopo, fu fatto cadere dal suo stesso partito divenuto nel frattempo renziano.

Le cose da fare erano allora e sono anche oggi le Riforme – abolizione del Bicameralismo perfetto, Legge elettorale, mercato del lavoro – e per questo era (e sarà?) condizione necessaria e sufficiente ciò che ha fatto Renzi siglando il Patto del Nazareno con l’impresentabile Berlusconi.

L’opzione di sostenere un governo, che avrebbe potuto allora essere un monocolore, non ha fatto che alzare il prezzo da far pagare al centro destra per stare dentro il governo.

L’operazione NCD ha avuto poi l’esito sconsolante di mettere insieme una percentuale di consensi risibile alle elezioni europee.

In tutto questo, forse perché tutti indaffarati a fare le cose da fare, ancora non si vede lo straccio di un pensiero, se non forte, almeno di un qualche orizzonte politico, anche di medio termine.

Al momento il programma del NCD è assimilabile all’intenzione di quella mamma che al figlio adolescente ingiunge con severità “di mettere in ordine la sua camera”. Il popolo, adolescente o meno, se ne fa un baffo, come il figlio di quella mamma del resto.

Venendo alla elezione del Presidente della Repubblica, ecco che, in nome di una pura consonante sicilianità, l’Alfano fa votare Mattarella anziché scheda bianca come il resto del centro destra. La scheda bianca, da che politica è politica, suona come il mozartiano “Vorrei e non vorrei, mi trema un poco il cor; Felice in ver sarei ma può burlarmi ancor”.

Conclusione di questa mossa il prezzo del Nazareno si alza ancora per la destra.

Sinistra unita, destra a pezzettini.

La Lega sale nei consensi, FI precipita, e NCD sta lì al 4%, percentuale per cui ha battuto il pugno sul tavolo perché fosse corretta la legge elettorale sulla soglia di sbarramento, fissata in origine al 6%.

Il tutto fa scrivere, in data 2 febbraio, ad Agostino Giovagnoli di Repubblica che l’elezione di Mattarella «si collega ad un faticoso processo di sberlusconizzazione del cattolicesimo italiano, il cui inizio nel 2011 ha contribuito alla nascita del Governo Monti. C’è anche questo dietro i tormenti del Nuovo Centro Destra e dell’UDC in questi giorni: Area popolare ha cercato in tutti i modi di non votare un candidato il cui successo rappresenta un’evidente smentita del progetto di un centro – destra senza Berlusconi ma imperniato su cattolici extraberlusconiani».

In questo momento vorremmo da cattolici dire a chiare lettere che Berlusconi, promuovendo il Patto del Nazareno, si è dimostrato un vero statista.

Brutto, bollito e puzzolente fin che volete, ma statista.

Questi qua dell’ENNECIDI, saranno anche belli e aulenti, ma restano giovani studenti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Filomena.... scrive:

    Da quando in qua uno condannato per frode fiscale ai danni dello Stato si può considerare uno Statista? Nello Stato delle banane forse….

    • Federico scrive:

      Non faccia la moralista, signora Filomena, sappiamo bene come è stato condannato… Piuttosto sulla ramanzina dei due prof., rimando all’intervista al Presidente della Regione Lombardia appena letta su questo numero di Tempi on line….. 09-02-2015 ore 12.00

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana